Pellicole in politene traparenti e forti utilizzabili al posto del vetro nelle finestre

Credito: University of Warwick, Queen Mary University of London

Sottili pellicole in politene trasparente possono essere efficientemente create tramite un metodo ideato dal professor Ton Peijs dell’Università di Warwick e dal professor Cees Bastiaansen della Queen Mary University di Londra.
Queste pellicole, benché sottili, sono resistenti quanto l’alluminio ma sono caratterizzate da una frazione del peso dello stesso materiale. Gli utilizzi potrebbero essere vari, dalle vetrature, anche dei parabrezza, fino alle visiere o anche ai display.

Nello studio, pubblicato su Polymer,i ricercatori descrivono le modalità con le quali hanno creato questa speciale pellicola. Ad un particolare livello di temperatura si possono infatti creare, secondo i ricercatori, pellicole di politene trasparenti con una forza e una residenza significative, vicine a quella dei metalli.

Spiega il procedimento Yunyin Lin, uno studente di dottorato che ha partecipato alla ricerca insieme ai due professori: la microstruttura dei polimeri che utilizzano per creare queste pellicole inizialmente assomiglia a quella di una ciotola di spaghetti cucinati. Dopo il particolare trattamento, le molecole di questi materiali cominciano ad allinearsi in maniera simile a spaghetti affiancati non cotti, il che significa che possono trasportare molto più carico e che sono molto più resistenti.

Inoltre, per dare trasparenza al materiale, i ricercatori hanno ideato nuovi metodi che non prevedono l’aggiunta di additivi a caldo ma che si basano su un sapiente utilizzo delle temperature.
È dunque davvero vicino il momento in cui la plastica trasparente soppianterà definitivamente il vetro?

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi