Pescatori catturano teschio ed enormi corna di alce estintosi 10.000 anni fa

Cranio e corna di alce catturate dai pescatori irlandesi (Credito: Pat Grimes / Ardboe Heritage)

Un gruppo di pescatori dell’Irlanda del Nord ha catturato un cranio di alce con tutte le enormi corna al seguito. Secondo gli esperti, il cranio e le corna hanno più di 10.500 anni. L’impressionante esemplare, della larghezza di 1,8 metri, è sostanzialmente intatto.
I pescatori Raymond McElroy e il suo assistente, Charlie Coyle hanno catturato la testa di alce con tanto di corna con la loro rete nella regione nord-occidentale di Lough Neagh, in un lago di acqua dolce.

Hanno dichiarato di aver alzato il cranio con le corna da circa sei metri di profondità a poche centinaia di metri dalla costa.
Gli stessi pescatori hanno dichiarato di essere rimasti scioccati quando hanno alzato la rete ed hanno visto apparire le enormi corna tipiche delle alci.

Si tratta di corna appartenenti al cosiddetto megalocero, detto anche alce irlandese (Megaloceros giganteus), estintosi circa 10.000 anni fa, ritenuta una delle specie di cervo con le corna più grandi mai esistite.
Si tratta in ogni caso di un denominazione impropria affibbiatagli proprio perché sono relativamente numerosi i resti di questo animale ritrovati nelle paludi e nelle zone acquose dell’Irlanda: l’alce irlandese viveva non solo in Irlanda ma un po’ in tutta Europa, nell’Asia settentrionale e nell’Africa settentrionale.

Probabilmente si sono estinte a causa dei cambiamenti ambientali. Già precedentemente, nello stesso lago, era stata ritrovata la mascella inferiore di un alce e gli esperti sospettano che appartenga allo stesso esemplare del quale sono state ritrovate le corna.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi