Piccolo robot morbido con centinaia di piedini pensato per erogare farmaci nel corpo

Il microrobot creato dai ricercatori di Hong Kong (credito: City University of Hong Kong)

Un mini robot dalla particolare struttura morbida con tantissime gambe che lo fanno sembrare una sorta di bruco è stato sviluppato dall’Università della Città di Hong Kong (CityU). Secondo gli stessi ricercatori, questo robot potrebbe essere utilizzato per erogare farmaci nel corpo umano.

La nicchia dei cosiddetti millirobot, robot molto piccoli dotati di gambe e pensati per insinuarsi in spazi angusti, finanche nel corpo umano, si sta espandendo sempre di più e questo piccolo robottino dotato di gambe multiple ne è la conferma.
Il robottino è stato progettato per muoversi efficientemente all’interno del corpo, dunque su superfici altamente scivolose oppure immerso completamente in fluidi, come quelli corporei, ad esempio il sangue o il muco.

Le gambe, che sono centinaia e sono appuntite, sono lunghe meno di un millimetro tanto che tutte insieme sembra una sorta di corta capigliatura. Non si tratta di una scelta casuale dato che il gruppo di ricerca ha studiato le strutture delle gambe di tantissimi animali analizzando in particolare il rapporto tra lunghezza delle gambe e lo spazio tra di esse.

Shen Yajing, ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria Biomedica della CityU, dichiara che la scelta è caduta su un rapporto gamba-distanza di 1:1.
Lo spessore del vero e proprio corpo del robot è invece di soli 0,15 mm; le gambe, di forma conica, sono lunghe 0,65 mm mentre lo spazio tra di esse è di circa 0,6 mm.
Sono appuntite perché in questo modo possono contare su di un maggiore attrito.

Il materiale è il polidimetilsilossano (PDMS), un materiale derivante dal silicio con particelle magnetiche tramite le quali è possibile controllare il robottino a distanza.
La parte superiore, inoltre, è gommosa e morbida e può essere facilmente tagliata per formare robot modulari, delle dimensioni volute e quindi utili per diverse applicazioni.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi