Pidocchi diffondono la peste meglio del previsto: ruolo più importante nelle pandemie storiche?

Uno studio recente rivela che i pidocchi del corpo umano sono più efficienti di quanto si credesse in precedenza nel diffondere il batterio Yersinia pestis, responsabile della peste. [1] Questa ricerca, condotta da David Bland e colleghi del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, è stata pubblicata su PLOS Biology. [2]

Pidocchi del corpo e trasmissione della peste

Storicamente, pulci e ratti sono stati considerati i principali vettori di pandemie di peste, inclusa la Morte Nera. Tuttavia, i pidocchi del corpo (Pediculus humanus corporis o Pediculus humanus humanus), che si nutrono di sangue umano, possono anche trasportare Y. pestis. Studi precedenti hanno mostrato risultati contrastanti riguardo all’efficienza dei pidocchi nella trasmissione dei batteri.

Risultati sperimentali

Negli esperimenti di laboratorio, i pidocchi del corpo sono stati esposti a campioni di sangue contenenti Y. pestis. I risultati hanno rivelato che questi pidocchi potrebbero infettarsi e trasmettere il batterio. In particolare, Y. pestis è stato trovato nelle ghiandole Pawlowsky dei pidocchi, suggerendo un nuovo meccanismo di trasmissione basato sul morso.

Implicazioni dello studio

Questo studio suggerisce che i pidocchi potrebbero aver svolto un ruolo significativo nelle passate epidemie di peste. Gli autori hanno notato che i pidocchi infetti trasmettevano Y. pestis in modo più efficace di quanto si pensasse in precedenza, soprattutto quando i batteri erano presenti nelle ghiandole Pawlowsky. I risultati dello studio sottolineano la necessità di riconsiderare il ruolo dei pidocchi nell’epidemiologia delle pandemie di peste.

FAQ

Cosa suggerisce il nuovo studio sui pidocchi del corpo?

Il nuovo studio suggerisce che i pidocchi del corpo sono più efficienti nel trasmettere Yersinia pestis, il batterio che causa la peste, di quanto si pensasse in precedenza.

Qual è il ruolo delle ghiandole di Pawlowsky nei pidocchi?

Le ghiandole di Pawlowsky nei pidocchi infetti secernono un lubrificante che può contaminare le parti della bocca con Y. pestis, facilitando la trasmissione del batterio durante il morso.

Perché i pidocchi del corpo erano considerati vettori inefficaci?

I pidocchi del corpo erano considerati vettori inefficaci della peste perché si pensava che fossero troppo inefficienti nella trasmissione del batterio rispetto alle pulci.

Come è stato condotto l’esperimento sui pidocchi del corpo?

Gli scienziati hanno utilizzato alimentatori a membrana per simulare la pelle umana calda, permettendo ai pidocchi di nutrirsi di campioni di sangue contenenti Y. pestis in un ambiente di laboratorio.

Cosa ha scoperto lo studio sui pidocchi del corpo e Yersinia pestis?

Lo studio ha scoperto che i pidocchi del corpo infettati con Y. pestis possono trasmettere il batterio in modo più efficiente e in modi diversi rispetto a quanto si pensasse in precedenza.

Quali sono le implicazioni delle nuove scoperte?

Le nuove scoperte suggeriscono che i pidocchi del corpo potrebbero aver avuto un ruolo significativo nelle passate epidemie di peste, e che il loro impatto come vettori di malattie potrebbe essere stato sottovalutato.

Come si trasmette Yersinia pestis dai pidocchi del corpo agli esseri umani?

Y. pestis può essere trasmesso dagli insetti attraverso i morsi. Le ghiandole di Pawlowsky infette nei pidocchi possono contaminare le parti della bocca con il batterio, che viene poi trasferito agli esseri umani quando i pidocchi mordono.

Qual è stato il principale contributo dello studio alla comprensione della trasmissione della peste?

Lo studio ha evidenziato che i pidocchi del corpo sono vettori più efficienti della peste rispetto a quanto si pensasse, suggerendo un loro possibile ruolo nelle passate epidemie di peste.

Approfondimenti

  1. Body lice may be bigger plague spreaders than | EurekAlert!
  2. Yersinia pestis can infect the Pawlowsky glands of human body lice and be transmitted by louse bite | PLOS Biology
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo