Piombo di fabbrica che riciclava batterie finito nei denti da latte dei bambini

Un ispettore che indaga nella fabbrica della Exide (credito: Department of Toxic Substances)

Un’analisi approfondita ha dimostrato che il piombo trasportato per via aerea da una fabbrica di batterie per auto riciclate alla periferia di Los Angeles è finito tra i denti da latte dei bambini che vivono nelle vicinanze.
Lo studio, pubblicato su Environmental Science & Technology, ha analizzato i denti di 43 bambini in cinque comunità vicine al sito dell’ex fabbrica, poi dismessa quattro anni fa dopo essere stata attiva per decenni e dopo aver provocato un grave livello di inquinamento da piombo in tutta l’area circostante.

Lo studio, prodotto dall’Università della California del Sud (USC), ha scoperto che maggiore era il livello di piombo nel terreno in una determinata zona, maggiore era la quantità di questo elemento presente nei denti da latte dei bambini che vivono su quel territorio, come specifica Jill Johnston, professoressa di medicina preventiva presso la Keck School of Medicine della USC.

Il piombo, come ricorda la ricercatrice, rimane una potente neurotossina e questo studio mostra quanto possa essere forte il suo impatto, a livello dicontaminazione, nei confronti dei bambini.
L’impianto di batterie riciclate della Exide si trovava a sud-est del centro di Los Angeles: era una fabbrica che riciclava milioni di batterie di automobili ogni anno e che, proprio per questo, rilasciava nell’ambiente circostante migliaia di tonnellate di piombo. Ciò è avvenuto fino alla sua chiusura nel 2015, chiusura scaturita a seguito di una causa legale.

L’inquinamento da piombo, però, è rimasto nella zona e sono 250.000 e residenti locali che stanno affrontando ancora oggi un rischio per la salute cronico. Questi cittadini sono infatti esposti a piombo e arsenico trasportati tramite l’aria dal sito dell’ex fabbrica, elementi che poi si depositano il suolo e vanno a finire nel ciclo di alimentazione degli esseri umani.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi