Più grande parco eolico d’Africa inaugurato nel posto più ventoso della Terra

Alcune delle turbine installate nell'area del progetto Lake Turkana Wind Power (credito: Andrew Owuor, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons)

Il più grande parco eolico dell’Africa potrebbe vedere la luce presto in Kenya secondo un progetto da 680 milioni di dollari denominato Lake Turkana Wind Power.

Si parla di questo progetto già da 10 anni ma notevoli sono stati i ritardi e le sfide che gli ingegneri ma anche chi si occupava dei finanziamenti hanno dovuto affrontare.
Finalmente venerdì dovrebbe avvenire l’inaugurazione di questo grande parco eolico che, almeno per il momento, contiene 365 turbine sulle rive orientali del lago Turkana.

Oltre ad essere il più grande investimento fatto da privati in tutta la storia del Kenya, questo progetto dovrebbe rappresentare una svolta non solo per il Kenya ma probabilmente per tutta l’Africa centro-orientale.
Proprio l’area del lago Turkana, infatti, è stata individuata come “il posto più ventoso della Terra”, una caratteristica che un parco eolico di grandi dimensioni potrebbe sfruttare con risvolti enormi in termini di apporto energetico in un continente, come l’Africa, dove la domanda di energia negli ultimi anni è aumentata esponenzialmente.

Energia che solo progetti che prevedono l’utilizzo di rinnovabili come questo potranno pensare di produrre.
Attualmente l’apporto dato dall’energia idroelettrica e geotermica, considerando solo il Kenya, è per esempio oggi modesto: si tratta di tecnologie che in luoghi come questi risultano ancora inaffidabili e costose.

Già ad oggi questo impianto eolico sta generando il 15% dell’intera capacità di produzione elettrica del paese e si prevede che questo livello possa aumentare nei prossimi anni anche perché il presidente Uhuru Kenyatta ha dichiarato di voler far sì che il Kenya possa arrivare a sfruttare solo le rinnovabili per produrre il 100% della propria energia entro il 2020.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook