Più passi al giorno legati a riduzione del diabete e della pressione alta

Un numero maggiore di passi al giorno può ridurre fino a 43% il rischio di contrarre diabete e fino al 31% di incorrere in ipertensione secondo uno studio presentato ad una conferenza dell’American Heart Association e secondo il relativo comunicato apparso su heart.org.

Nello specifico secondo lo studio quelle persone di mezz’età che hanno camminato più volte al giorno per una media di nove anni mostravano un rischio inferiore del 43% di contrarre il diabete e del 31% per quanto riguarda l’ipertensione rispetto a quelle persone che avevano camminato di meno.

Altra scoperta interessante dello studio è relativa alle donne: ogni 1000 passi al giorno in più comportavano un rischio di obesità più basso del 13% e in generale quelle donne che camminavano di più avevano una probabilità minore di essere obese rispetto a quelle che camminavano di meno.
I dati dello studio erano basati su 1923 partecipanti che hanno dovuto indossare dispositivi accelerometrici negli anni dal 2005 al 2006 per circa 10 ore al giorno e per un minimo di quattro giorni.

Il 58% dei partecipanti era composto da donne, i 41% da neri e l’età media era di 45 anni mentre il follow-up medio è stato di nove anni.
“I risultati del nostro studio si aggiungono alle crescenti prove dell’importanza di un’attività fisica regolare per migliorare la salute del cuore e che gli sforzi preventivi possono essere efficaci, anche quando gli adulti di mezza età passano all’età adulta”, riferiscono i ricercatori.

Ora i stessi ricercatori vogliono capire se la velocità della camminata, oltre al numero di passi, può rappresentare una caratteristica importante che può influire sui rischi per la salute, in particolare quella del cuore.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook