Pompe di benzina stanno scomparendo in Norvegia, auto elettriche oltre 50%

Una rivoluzione “silenziosa” sta avvenendo in Norvegia per quanto riguarda il comparto dei trasporti. Le pompe di benzina stanno sostanzialmente scomparendo per fare spazio alle stazioni di servizio che forniscono energia elettrica.
Le auto elettriche stanno subentrando a tutta forza tanto che ad oggi oltre il 50% delle vendite delle auto nel paese riguardano veicoli elettrici.

Questa tendenza sta già facendo sentire il proprio peso per quanto riguarda la domanda di benzina e diesel tanto che sono già molte le stazioni di servizio che hanno chiuso mentre solo alcune riescono a “convertirsi” sostituendo le pompe di benzina con stazioni di ricarica elettriche e affrontando comunque di un investimento consistente.

La stessa Christina Bu della Norwegian Electric Vehicle Association parla di “nuova era” e lo stesso fatto che le grosse catene di distributori di benzina stiano cominciando in massa a chiudere le proprie stazioni oppure a sostituire le pompe con stazioni di ricarica è un fatto che rappresenta una “pietra miliare storica”, un vero e proprio punto di passaggio che naturalmente sarà ricordato nella storia dei trasporti.

La Norvegia è uno dei paesi dove l’elettrificazione dei veicoli sta avvenendo in maniera più rapida rispetto ad altri e alcune delle più grosse compagnie petrolifere si stanno decidendo di cogliere lapalla al balzo. Ad esempio Shel ha ammesso il suo coinvolgimento nella nuova rete di ricarica per auto elettriche Ionity, una joint-venture di vari network europei tra cui BMW, Daimler e Volkswagen.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook