Possibili sfere di Dyson trovate a mille anni luce da noi: sono alieni?

Gli astronomi hanno identificato sette potenziali candidati per le sfere di Dyson, megastrutture che potrebbero indicare la presenza di civiltà aliene avanzate. Le sfere di Dyson, proposte dal fisico Freeman Dyson nel 1960, sono ipotetiche strutture costruite per catturare l’energia di una stella. Questo studio, pubblicato nel Monthly Notice of the Royal Astronomical Society, [1] esplora queste interessanti possibilità.

Cercare firme a infrarossi

Il team di astronomi si è concentrato sulla rilevazione della radiazione infrarossa in eccesso, possibile segno delle sfere di Dyson, analizzando i dati di recenti indagini astronomiche. Hanno identificato sette stelle nane M (dette anche “nane rosse”, stelle più piccole e meno luminose rispetto al Sole) entro 1.000 anni luce dalla Terra che mostravano caratteristiche infrarosse insolite non facilmente spiegabili dai fenomeni naturali, come rivela uno nuovo articolo su The Conversation che presenta lo studio.

Sfide interpretative

Sebbene questi risultati siano entusiasmanti, i ricercatori invitano alla cautela. L’eccesso di luce infrarossa potrebbe essere causato anche da altri fattori, come nubi di polvere o dischi cometari. Anomalie simili sono già state osservate in precedenza, come nel caso della stella di Tabby, ma spesso hanno spiegazioni naturali. Sono necessarie ulteriori osservazioni per determinare se questi candidati siano effettivamente segni di megastrutture aliene.

Implicazioni e ricerca futura

Il concetto delle sfere Dyson si basa sul presupposto che le civiltà avanzate necessitano di un’energia immensa. Tuttavia, con il progresso delle tecnologie incentrate sull’efficienza e sulla miniaturizzazione, la necessità di tali strutture è discutibile. Nonostante lo scetticismo, continuare la ricerca delle sfere di Dyson può fornire preziose informazioni sulle possibilità della vita extraterrestre e sui progressi tecnologici.

Sfide nel rilevamento delle sfere di Dyson

Trovare un’ipotetica sfera di Dyson attorno a una stella distante è impegnativo perché la sua firma infrarossa può essere facilmente confusa con fenomeni cosmici naturali come nuvole di polvere o dischi cometari. Inoltre, le grandi distanze e la debolezza di questi potenziali segnali complicano gli sforzi di rilevamento, anche perché una eventuale struttura del genere andrebbe comunque a nascondere la luce della stella proprio per ricavarne l’energia.

FAQ

Cos’è una sfera di Dyson?

Una sfera di Dyson è una megastruttura ipotetica costruita intorno a una stella per raccogliere la sua energia.

Quanti candidati per sfere di Dyson sono stati trovati?

Sono stati identificati sette candidati per possibili sfere di Dyson.

Cosa sono le nane rosse?

Le nane rosse sono una classe di stelle più piccole e meno luminose del nostro Sole.

Come si cerca una sfera di Dyson?

Gli astronomi cercano l’eccesso di radiazione infrarossa che potrebbe indicare la presenza di una sfera di Dyson.

Qual è il principale segnale di una sfera di Dyson?

Il principale segnale è un eccesso di radiazione infrarossa emessa dalla stella.

Quali altre spiegazioni potrebbero esserci per l’eccesso di infrarossi?

L’eccesso di infrarossi potrebbe anche essere causato da polvere cosmica o dischi di comete.

Perché le sfere di Dyson potrebbero non esistere?

Le sfere di Dyson potrebbero non esistere perché una civiltà avanzata potrebbe trovare modi più efficienti per ottenere energia.

Cosa si farà per confermare questi candidati?

Saranno necessarie ulteriori osservazioni e analisi spettroscopiche per confermare la natura di questi candidati.

Approfondimenti

  1. Project Hephaistos – II. Dyson sphere candidates from Gaia DR3, 2MASS, and WISE | Monthly Notices of the Royal Astronomical Society | Oxford Academic
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo