Primi test di “autostrade elettriche” che ricaricano batterie di camion in Germania

Avverranno nei pressi di Francoforte i primi test riguardanti il nuovo concetto di eHighway, autostrada elettronica, che vedranno camion elettrici alimentati tramite appositi bracci sulla parte superiore del veicolo collegati a loro volta a dei cavi aerei, un po’ come avviene per i filobus.
Inutile dire che un progetto come questo fa sparire completamente il problema riguardante la ricarica delle batterie, uno dei principali problemi di tutti i veicoli elettrici.

I test vedranno l’utilizzo di camion ibridi con motore elettrico-diesel e dovrebbe avvenire su un normale tratto autostradale che va da Darmstadt a Francoforte, lungo circa 5 km. I test avverranno in entrambe le direzioni e dureranno almeno fino al 2022.
Tra l’altro l’energia elettrica che verrà fornita ai veicoli sarà generata solo da fonti rinnovabili secondo quanto riferito dal dipartimento dei trasporti dello Stato di Hesse in Germania. Alcune delle tecnologie utilizzate saranno fornite dalla Siemens.

Un testo notturno, più breve ed a bassa velocità, è già stato effettuato lo scorso dicembre ma da martedì i test prenderanno il via nel normale traffico autostradale, un traffico che vede in media 135.000 veicoli al giorno percorrere questo tratto, il 10% dei quali veicoli pesanti.
Si tratta di una “pietra miliare per gli sforzi di decarbonizzazione del traffico merci su strada in Germania”, come riferisce Roland Edel, uno dei responsabili della Siemens coinvolti nel progetto.

I camion che verranno utilizzati sono dotati di speciali “pantografi” che raggiungono i cavi aerei che passeranno anche sotto i ponti. Nel caso venissero tagliati o danneggiati, questi cavi a corrente continua da 670 V si spegnerebbero automaticamente.
Inoltre un sistema antighiaccio dovrebbe mantenerli operativi anche durante l’inverno. Secondo uno studio del ministero federale dei trasporti tedeschi, fino all’80% del traffico dei camion in Germania potrebbe essere elettrificato.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi