Primo caso di virus della dengue trasmesso tramite atto sessuale accertato in Spagna

Aedes albopictus (credito: James Gathany, CDC, via Wikimedia Commons)

Si tratta del primo caso di febbre dengue diffusasi tra due esseri umani attraverso un atto sessuale quello annunciato dalle autorità sanitarie spagnole venerdì. Secondo le autorità iberiche, infatti, un quarantunenne di Madrid avrebbe contratto la dengue dopo aver praticato del sesso con il suo partner maschio.
Quest’ultimo avrebbe sua volta contratto il virus da una puntura di zanzara occorsagli in un viaggio a Cuba.

Si tratta di una cosa che ha sconcertato gli stessi medici anche perché l’uomo che aveva contratto il virus non era stato in un paese in cui questa malattia è particolarmente diffusa.
Secondo Susana Jimenez, funzionaria della Dipartimento Sanitario della regione di Madrid, il compagno dell’uomo avrebbe presentato gli stessi sintomi una decina di giorni prima dopo che aveva visitato Cuba e la Repubblica Dominicana.
Attraverso un’analisi dello sperma, i ricercatori hanno scoperto che i due avevano contratto lo stesso virus che circola a Cuba.

Già qualche tempo fa un possibile caso di una trasmissione sessuale di virus dengue a seguito di un atto sessuale tra una donna e un uomo era stato oggetto di attenzioni dei medici della Corea del Sud, come dichiara una lancio di stampa della AFP.
Questa in Spagna, dunque, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), è il primo caso noto di trasmissione sessuale del virus della dengue tra due uomini.

La febbre dengue è trasmessa dalla zanzara Aedes Aegypti, che popola i climi tropicali, e può essere dunque contratta tramite viaggi nei climi tropicali o caldi come quelli del sud-est asiatico, dell’Africa, dei Caraibi o dell’America centrale o meridionale.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook