Primo velivolo senza parti mobili spinto da vento ionico realizzato da ingegneri del MIT

Rappresentazione artistica del velivolo a spinta ionica (credito: Christine Y. He)

Quello che può essere definito come il primo volo aereo con motore agli ioni, funzionante con una batteria e senza parti mobili, è stato realizzato da un gruppo di ricercatori della Massachusetts Institute of Technology. Qualcuno ha già paragonato questo primissimo volo, durato solo 8-9 secondi,al primissimo volo messo in opera dai fratelli Wright nel lontano 1904.

Il velivolo, che ha viaggiato per pochissimi secondi senza alcun passeggero e che vanta un’apertura alare di cinque metri, pesa solo 2,5 kg e si è alzato per mezzo metro ma ciò che conta è che gli stessi ricercatori del MIT stravedono per un progetto del genere che potrebbe portare, un giorno più o meno lontano, ad aerei puliti e silenziosi.

Il motore ionico crea la spinta utilizzando le forze elettriche per accelerare gli ioni in un fluido onde formare un una sorta di “vento”. Si tratta di una tipologia di spinta identificata per la prima volta negli anni 60 e, secondo molti, si tratta di una forza non sufficiente per essere utile a spingere un velivolo. Tuttavia questo primissimo esperimento ha, almeno in parte, sfatato il tabù e ha mostrato che all’aumentare della velocità del velivolo aumenterà anche l’efficienza.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi