Professore di Harvard scopre potenziale tecnologia aliena nell’Oceano Pacifico

shutterstock_1796849164

Avi Loeb, un fisico dell’Università di Harvard, afferma di aver recuperato frammenti di ciò che crede possa essere materiale da un’astronave aliena interstellare. L’ipotesi è nata dall’analisi di 50 minuscoli frammenti di ferro sferici trovati sul fondo dell’Oceano Pacifico. Le scoperte di Loeb sono collegate a una palla di fuoco osservata nel gennaio 2014, che è stata registrata mentre viaggiava più velocemente della maggior parte delle meteore e si infrangeva sull’Oceano Pacifico meridionale, probabilmente meteorite. Lo riferisce un nuovo articolo su The Conversation. [1]

Visitatori interstellari: ‘Oumuamua e la ricerca di detriti

L’ipotesi di Loeb si basa su precedenti incontri interstellari, come la cometa ‘Oumuamua osservata nel 2017. Questo oggetto insolito ha suscitato intrighi a causa della sua orbita non circolare e della forma particolare che ricorda un sigaro. In un articolo del 2018, Loeb ha ipotizzato che “Oumuamua potrebbe essere di origine artificiale, potenzialmente creato da una civiltà aliena”. Ispirato da questo, il team di Loeb ha cercato detriti interstellari nel sistema solare e ha identificato CNEOS 20140108, che ritengono essere una meteora interstellare.

Sferule cosmiche

Le sferule metalliche recuperate dal team di Loeb misurano circa mezzo millimetro di diametro. Sebbene sia possibile che abbiano un’origine extraterrestre, identificarli come tali è difficile. Precedenti spedizioni, risalenti al XIX secolo, trovarono simili sferule cosmiche sul fondo dell’oceano. Tuttavia, la presenza di inquinanti terrestri rende difficile differenziarli da potenziali detriti extraterrestri senza un’analisi composizionale approfondita.

Prove non convincenti e ricerca di origini extraterrestri

L’affermazione di Loeb secondo cui il materiale recuperato non è solo extraterrestre ma anche proveniente dallo spazio interstellare manca di prove convincenti, secondo Monica Grady, professoressa di scienze planetarie e spaziali della Open University, l’autrice dell’articolo su The Conversation. Sebbene le sferule contengano principalmente ferro con tracce di metalli, la loro composizione da sola non conferma un’origine interstellare. Inoltre, determinare la loro età come più antica del sole sarebbe un indicatore più convincente del materiale interstellare. Tuttavia, anche se le sferule fossero interstellari, non implicherebbe necessariamente un’origine artificiale. Analizzare la loro composizione ed escludere inquinanti terrestri e detriti dall’interno del sistema solare sono passaggi cruciali per valutare la loro vera natura.

FAQ

Quali prove ha Avi Loeb a sostegno della sua affermazione di aver trovato materiale da un’astronave aliena interstellare?

Avi Loeb basa la sua affermazione sul recupero di 50 sferule metalliche con caratteristiche distinte dal Sud Pacifico. Hanno colori e composizione unici e assomigliano a Terre in miniatura se osservate al microscopio.

Sono già stati trovati detriti interstellari?

Sì, la cometa interstellare ‘Oumuamua è stata precedentemente rilevata nel 2017. Aveva una traiettoria e una forma insolite, suscitando speculazioni sulla sua origine artificiale.

Quali sono le possibilità che Avi Loeb abbia trovato autentici detriti interstellari?

Non è chiaro se le sferule metalliche recuperate siano veri e propri detriti interstellari. Senza un’analisi approfondita della loro composizione e un confronto con gli inquinanti noti, è difficile determinare la loro origine extraterrestre.

Cosa sono le sfere cosmiche e in che modo sono correlate alle scoperte di Avi Loeb?

Le sfere cosmiche sono piccole goccioline metalliche che si solidificano dal materiale fuso strappato dai meteoriti come entrano nell’atmosfera terrestre. Mentre le sferule sono state trovate in precedenti spedizioni oceaniche, identificare le origini extraterrestri è diventato difficile a causa dell’aumento dell’inquinamento.

Perché Avi Loeb crede che il materiale che ha trovato provenga dallo spazio interstellare?

Avi Loeb sostiene che il materiale provenga dallo spazio interstellare in base alla sua distinta composizione, in particolare il suo basso contenuto di nichel, che suggerisce che non provenga da meteore all’interno del nostro sistema solare.

C’è qualche prova definitiva che il materiale recuperato provenga da un’astronave aliena?

No, attualmente non ci sono prove analitiche certe per concludere che le sferule recuperate provengono da un’astronave aliena. Sono necessarie ulteriori analisi, tra cui quelle relative all’età dei detriti.

Che composizione hanno le sfere metalliche trovate dal team di Avi Loeb?

Le sferule metalliche sono composte principalmente da ferro (84%), insieme a silicio (8%), magnesio (4%), titanio (2%) e oligoelementi. Sono di dimensioni inferiori al millimetro e hanno colori e caratteristiche unici.

Quante sfere metalliche sono state recuperate dal team di Avi Loeb?

Il team di Avi Loeb ha recuperato un totale di 50 sfere metalliche durante la loro spedizione nel Sud Pacifico. Queste sferule sono state trovate nell’area che si allinea con il percorso proiettato della meteora.

Note e approfondimenti

  1. Physicist who found spherical meteor fragments claims they may come from an alien spaceship – here’s what to make of it
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo