Proteina CK2 può essere usata per antidepressivi

È stato calcolato che gli antidepressivi risultano effettivamente utili solo per 50% dei pazienti affetti da depressione, secondo un report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Sviluppare, dunque, nuovi antidepressivi resta, almeno ad oggi, uno degli obiettivi primari.
Una nuova ricerca, pubblicata su Molecular Psychiatry fa ben sperare. Secondo lo studio, una proteina denominata CK2 potrebbe risultare effettivamente molto utile in tal senso.

Julia Castello, biochimica al City College di New York, ha identificato questa proteina come modulatore di un recettore della serotonina, 5-HT4. È stato dimostrato che la manipolazione di questa proteina nel cervello può provocare una forte riduzione degli stati depressivi e ansiosi proprio attraverso questo recettore.

Potrebbe essere la prima conferma di uno specifico recettore della serotonina che funge da mediatore dell’effetto terapeutico degli SSRI (Selective Serotonin Reuptake Inhibitors, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi