Protesi alla spalla dura per più di 10 anni nel 90% dei casi secondo studio

Credito: Halanna Halila, Unsplash, P8qlhXgvNIw

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Exeter e del PenARC, pubblicato su The Lancet Rheumatology, la maggior parte delle protesi di sostituzione della spalla dura più di 10 anni. I ricercatori hanno esaminato quasi 18.000 persone che avevano subito l’operazione chirurgica per l’applicazione di una protesi alla spalla rilevando che dopo 10 anni dal momento dell’operazione stessa nel 90% dei casi la protesi funzionava ancora senza problemi particolari.

Inoltre, sempre dopo 10 anni, maggior parte dei pazienti riferiva che questa operazione li aveva avvantaggiati.
Per Jon Evans, ricercatore della scuola Medica a Exeter, uno dei ricercatori impegnati nello studio, si tratta del primo studio che fornisce una risposta a due domande che spesso chi si deve sottoporre ad operazioni del genere considera molto importanti:

  • Quanto dura una protesi alla spalla?
  • Dopo l’intervento chirurgico di protesi alla spalla quest’ultima sarà migliore a lungo termine?

Il ricercatore conferma la scoperta relativa al fatto che l’operazione chirurgica di protesi alla spalla ha un effetto positivo prolungato non solo per quanto riguarda la spalla stessa ma in generale riguardo alla vita di pazienti per almeno 10 anni, almeno nel 90% dei casi analizzati in questo studio di metanalisi di articoli precedenti.
In particolare i ricercatori scoprivano che la sopravvivenza dell’impianto nella sostituzione totale della spalla era del 94,6% a 10 anni. Per le emiartroplastiche omerali era Dell’85 , 5% mentre per i pazienti con osteoartrosi operati per protesi totale inversa della spalla era del 94 , 4%. infine per i soggetti con
La sostituzione della spalla sta diventando un trattamento sempre più comune. A volte capita che la sostituzione non abbia successo in questo caso si devono approntare soluzioni alternative o aggiuntive.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook