Psicosi post-partum, scansioni cerebrali potrebbero scoprire segni di rischio

Credito: Pixel-Shot, Shutterstock, ID: 1680314962

Secondo un comunicato emesso dal King’s College di Londra, le scansioni cerebrali potrebbero rivelarsi utili per scoprire segni di rischio di psicosi post-partum. I ricercatori hanno infatti scoperto che con questa tecnica si possono scoprire differenze tra le scansioni cerebrali delle donne a basso rischio di psicosi postpartum e quelle ad alto rischio. Queste ultime, nello specifico, sembrano mostrare un livello di connettività cerebrale diverso in quelle reti collegate ai comportamenti orientati all’obiettivo.[1]

La psicosi post-partum

La psicosi post-partum è un problema di salute che, secondo il comunicato, può essere “devastante”. Tuttavia è rara e si stima possa colpire una donna su 1000 tra le partorienti. Può colpire le donne durante le prime settimane a seguito del parto. Tra i sintomi ci possono essere la depressione, la confusione, i deliri, le allucinazioni e l’umore troppo alto.
Non esistono marcatori biologici affidabili per identificare le donne più a rischio di sviluppare psicosi post-partum.[1]

Livello di connettività alterata

Un team di scienziati dell’Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience (IoPPN) del King’s College e dell’Università di Padova ha scoperto che le donne più a rischio di questa psicosi sembrano avere un livello di connettività alterata nelle reti cerebrali collegate alla pianificazione, all’organizzazione e al completamento dei compiti a breve e a lungo termine. Inoltre lo studio suggerisce che una connettività maggiore nella rete esecutiva del cervello, un’area collegato all’attenzione, alla memoria di lavoro e al processo decisionale, potrebbe essere un indicatore di resilienza per quanto riguarda la ricaduta della psicosi post-partum.[1]

Psicosi postpartum è un problema di salute mentale molto serio

“Sebbene rara, la psicosi postpartum è un problema di salute mentale molto serio che può essere davvero spaventoso per le neomamme, i loro partner, gli amici e la famiglia”, spiega Paola Dazzan, professoressa di neurobiologia della psicosi al King’s College.[1]

Note e approfondimenti

  1. Brain scans could offer sign of postpartum psychosis risk

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Informazioni su Genni Pettorino 4429 Articoli
Ciao, sono l'amministratore del sito. Per contattarmi puoi usare questa pagina: Contatti