Pterodattili capaci di volare già appena nati secondo nuovo studio

Molti paleontologi pensano che gli pterodattili, i noti dinosauri alati vissuti 150 milioni di anni fa, fossero capaci di volare solo quando il loro corpo raggiungeva un livello di crescita adeguato, proprio come avviene per la maggior parte degli uccelli e dei pipistrelli.
Un nuovo studio, pubblicato su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, mostra però che questi rettili estinti potevano volare fin dalla nascita.

Non si tratta di una caratteristica di poco conto considerando che nessun altro vertebrato conosciuto è stato o è capace di tanto. Inoltre questa stessa scoperta cambia nettamente la nostra comprensione in relazione alla vita di questi animali nel loro complesso.
La teoria secondo cui gli pterodattili erano capaci di volare solo dopo aver raggiunto una certa dimensione corporea era corroborata da alcuni ritrovamenti fossili effettuati in Cina che mostravano delle ali poco sviluppate.

Il paleobiologo dell’Università di Leicester, David Unwin, confuta questa ipotesi dopo aver analizzato, insieme a Charles Deeming, uno zoologo dell’Università di Lincoln, approfonditamente proprio questi fossili.
Comparando queste analisi con i dati relativi alla crescita prenatale, ossia quella che avviene all’interno del nuovo, degli uccelli e dei coccodrilli, i ricercatori hanno scoperto che quei fossili sono relativi a pterodattili che si trovano ancora una fase iniziale di sviluppo, molto lontani dal momento della schiusa. In sostanza si trattava di pterodattili nemmeno nati.

Altra cosa che corrobora la tesi di Unwin e Deeming starebbe nel fatto, secondo i ricercatori, che gli pterodattili notoriamente non erano agevolati da alcuna cura genitoriale dato che dovevano cominciare a nutrirsi e a prendersi cura di se stessi fin dopo la schiusa.
Ecco perché volare praticamente appena dopo essere usciti fuori dalle uova risultava una caratteristica pressoché essenziale per sfuggire ai predatori, in particolare agli altri dinosauri carnivori.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook