Quercetina può ridurre pressione sanguigna secondo studio

Una sostanza di natura vegetale, la quercetina flavonoide, potrebbe essere usata per trattare i livelli di ipertensione nei pazienti. È di questo parere un team di ricercatori dell’Ospedale del Popolo Dongguan Shilong, Cina, i quali dichiarano di aver scoperto, in un nuovo studio apparso su Nutrition Reviews, che la stessa quercetina può avere un ottimo impatto sulla pressione del sangue. Hanno anche controllato gli eventuali effetti sui livelli di glucosio.

La quercetina è una sostanza che si trova in diverse piante, anche in quelle alimentari come quelle di cipolle, mele o anche nel vino rosso e nel tè. È un pigmento vegetale che è stato già oggetto di studio in diverse ricerche in passato.
È proprio queste che i ricercatori hanno analizzato: hanno messo a confronto 17 studi precedenti, che analizzavano gli effetti della quercetina su un totale di 886 partecipanti, per scoprire che questa sostanza riduceva la pressione arteriosa sistolica.

I ricercatori scoprivano anche che chi consumava la quercetina per un periodo di otto settimane o anche di più mostrava dei livelli ridotti di colesterolo lipoproteico ad alta densità. La stessa quercetina sembrava però non influenzare particolarmente il livello totale di colesterolo né le concentrazioni di glucosio nel sangue a digiuno.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook