Ragazzi che non percepiscono amore dei genitori più attivi nel cyberbullismo

I ragazzi che arrivano a percepire l’amorevolezza dei loro genitori mostrano di avere probabilità più basse di essere soggetti attivi nel cyberbullismo. È il risultato di uno studio apparso sull’International Journal of Bullying Prevention, un giornale scientifico dedicato al fenomeno.
Il risultato arriva in un periodo, come quello della pandemia in corso, durante il quale si è fatto ricorso massiccio all’apprendimento da remoto. In questa fase si sono utilizzati maggiormente quei dispositivi, soprattutto di natura mobile, con i quali si propaga il cyberbullismo, come fa notare Laura Grunin, una studentessa della NYU Meyers, nonché autrice principale dello studio.

Naturalmente non si tratta dell’unico fattore in gioco: il cyberbullismo attivo dipende anche fortemente dalle dinamiche familiari e dai fattori di stress domestici, come fa notare la ricercatrice.
La Grunin ha usato i dati contenuti all’interno di un sondaggio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per un totale di 12.642 adolescenti e pre-adolescenti provenienti dagli Stati Uniti con un’età tra gli 11 e i 15 anni. I dati erano perlopiù relativi alle loro risposte fornite in diversi questionari alcuni dei quali presentavano domande riguardo a loro eventuali comportamenti di bullismo nonché alla loro relazione con i genitori.

Alla fine i ricercatori scoprivano che più i ragazzi percepivano come amorevoli i loro genitori, più basse erano le probabilità di un loro coinvolgimento in forme di cyberbullismo. Chi invece rispondeva alle domande lasciando trasparire la sensazione di non percepire l’amore da parte dei genitori, mostrava probabilità più grande, fino a sei volte, di essere invece coinvolto in fenomeni del genere.
“I nostri risultati sottolineano l’importanza del supporto emotivo dei genitori come fattore che può influenzare il cyberbullismo degli adolescenti e ancora più importante è il modo in cui gli adolescenti percepiscono il supporto che ricevono dai loro genitori”, spiega la Grunin nel comunicato stampa.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook