Ragazzo diventa cieco perché mangia solo cibo spazzatura

Il caso di un giovane paziente che ha perso la vista a causa di una dieta eccessivamente ma volutamente povera è stato oggetto di studio di gruppo di ricercatori dell’Università di Bristol che hanno pubblicato i propri risultati in Annals of Internal Medicine.

Secondo gli stessi ricercatori si è trattato di neuropatia ottica nutrizionale, una disfunzione del nervo ottico causata da cattiva alimentazione che può portare a perdita permanente della vista ma che è comunque reversibile se è rilevata in anticipo.

Di solito le cause più comuni di questa patologia sono legate a problemi intestinali oppure a farmaci che possono interferire con l’assorbimento dei nutrienti da parte dello stomaco.
In questo studio ci troviamo di fronte ad un caso particolare in cui la patologia, e la susseguente cecità, è stata causata da una dieta portata avanti intenzionalmente.

Il paziente, un adolescente, aveva visitato il medico di famiglia lamentando una certa stanchezza ma il legame tra il suo stato nutrizionale e lo stato del suo sistema visivo non è stato rilevato fino a molti mesi dopo questa prima visita. Il deficit visivo è intanto diventato reversibile.

I test mostravano inizialmente anemia macrocitica e bassi livelli di vitamina B12. In seguito si scopriva che il diciassettenne aveva portato avanti per un lungo periodo una dieta fatta di alimenti quali patatine, pane bianco e un po’ di carne di maiale trasformata, alimenti considerati dagli stessi ricercatori come “cibo spazzatura”.

Gli stessi ricercatori credono che casi simili possano verificarsi ancora in futuro proprio a causa della diffusione di questa tipologia di alimentazione.
Una patologia del genere con cause simili può verificarsi in parti del mondo in cui l’offerta di cibo non è sufficiente o non è di buona qualità, ad esempio in regioni dove è in corso la guerra oppure in aree povere soggette a malnutrizione.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo