Realtà virtuale utile per persone con problemi nella percezione del tempo secondo studio

La realtà virtuale potrebbe essere di aiuto per chi soffre di schizofrenia, autismo o morbo di Parkinson secondo uno studio dell’Università di Waterloo. In particolare questa tecnologia potrebbe essere d’aiuto nel cambiare o comunque modificare la percezione del tempo.
Come sottolinea anche Séamas Weech, kinesiologo ed autore dello studio, proprio la capacità di stimare il trascorrere del tempo con precisione risulta fondamentale per i tentativi dell’essere umano di interagire con l’ambiente circostante e in generale con il mondo.

Tuttavia questa capacità può essere inibita o modificata in peggio dalle suddette patologie. Per alcuni pazienti, infatti, l’orologio interno risulta disadattato. Ciò causa delle deficienze temporali e difficoltà ad eseguire determinate azioni.
I ricercatori hanno fatto giocare a 18 donne e 13 maschi non affetti da alcun disturbo sensorio, muscolo-scheletrico o neurologico, il gioco di realtà virtuale Robo Recall.

Durante le sessioni di gioco, i ricercatori misuravano le abilità di percezione del tempo dei partecipanti prima e dopo le sessioni di gioco scoprendo che la sessione di realtà virtuale portava a riduzioni significative nelle stime dei tempi da parte dei partecipanti, di circa il 15%.

Questo significa che in realtà virtuale potrebbe aiutare determinati individui a spostare la percezione del tempo e dunque a trattare le condizioni neurologiche correlate.
Ulteriori studi, secondo lo stesso Weech, saranno comunque necessari per capire la durata di questi effetti e se sono osservabili nel cervello.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo