Resti fossili di lamantini dell’era glaciale individuati sulla costa texana

Fossile della mascella inferiore del lamantino (credito: Christopher J. Bell, William Godwin, Kelsey M. Jenkins, and Patrick J. Lewis)

Resti fossili di lamantini vissuti durante l’era glaciale, tra 11.000 e 240.000 anni fa, sono state trovati da un gruppo di ricercatori dell’Università del Texas ad Austin sulla costa texana. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Palaeontologia Electronica.
La scoperta ha sorpreso gli stessi ricercatori, come spiega Christopher Bell, un professore della Jackson School of Geosciences dell’università texana e autore principale dello studio. Oggi, infatti, i lamantini non si trovano al largo della costa del Texas.

I ricercatori hanno trovato in totale otto fossili tra cui quelli di mascelle e frammenti di costole appartenuti al lamantini vissuti durante il pleistocene, un’epoca geologica intercorsa durante l’ultima era glaciale.
Il ritrovamento è avvenuto nei siti di McFaddin Beach, nei pressi di Port Arthur, e di Caplen Beach, nei pressi di Galveston, nel corso degli ultimi cinque decenni. Tutti i resti fossili sono stati perlopiù individuati da dilettanti che poi li hanno donati all’università texana.

Gli stessi fossili sono stati poi analizzati dal team di Bell che ha confermato che si tratta di lamantini. Tra i fossili più utili quello della mascella che presentava una distintiva curva a forma di S, cosa che ha catturato subito l’attenzione gli stessi ricercatori e ha fatto sospettare loro che si trattava di lamantini.
I ricercatori, per la precisione, hanno attribuito questi resti alla specie Trichechus manatus, detto anche lamantino dell’India occidentale o lamantino del Nordamerica, una specie di lamantino che scorazza per le acque dei Caraibi. Tuttavia il fossile di una mascella superiore apparteneva ad una sottospecie estinta, il Trichechus manatus bakerorum.

Durante l’era glaciale le acque al largo del Texas probabilmente erano ancora più fredde di quanto siano oggi e ciò contrasta con la presenza di questi animali in quest’area. Forse i lamantini dell’era glaciale erano più resistenti al freddo dei lamantini odierni, ipotizzano i ricercatori.
I lamantini sono mammiferi marini relativamente grandi e perlopiù erbivori (sono conosciuti anche come “mucche di mare “) appartenenti alla famiglia dei Trichechidae. Possono essere lunghi fino a quattro metri e pesare quasi 600 kg. Oggi vivono perlopiù nei mari caraibici, nel bacino amazzonico e al largo delle coste dell’Africa occidentale.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook