Ricci di mare viola scavano con denti nella roccia per creare tane

Riccio di mare viola (Strongylocentrotus purpuratus) (credito immagine: File:Strongylocentrotus purpuratus California.JPG, Toby Hudson, CC BY-SA 3.0, cropped)

Quando si pensa ai ricci di mare di solito la nostra mente immagina piccoli animali marini pressoché innocui e molto poco attivi. In realtà alcune specie di ricci di mare possono scavare nelle rocce più dure cunicoli anche molto lunghi.
Una specie di ricci di mare è capace di rosicchiare con quelli che possono essere considerati veri e propri denti rocce marine dure come il granito anche per mesi pur di scavare un nascondiglio e costruirsi una tana.

Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori della Villanova University in Pennsylvania, ha analizzato in particolare i ricci di mare viola (Strongylocentrotus purpuratus ), che possono essere trovati soprattutto lungo le coste degli Stati Uniti.
Questi animali sono soliti rintanarsi in buche e piccoli condotti che trasformano in tane. Scelgono questi cunicoli perché possono vantare una superficie più ampia dove possono attaccarsi con le loro centinaia di spine.

I ricercatori hanno analizzato il comportamento di questi ricci di mare per oltre un anno ed in particolare sono stati colpiti da un gruppo di ricci che riuscivano a creare dei buchi nelle rocce, anche quelle più dure come il granito. In quest’ultimo materiale riuscivano a creare dei cunicoli di 45 cm cubici. Questo comportamento ha sorpreso gli scienziati soprattutto per la velocità con cui questi piccoli animali marini riescono a scavare le buche.

L’operazione di scavo avviene tramite cinque piccoli denti affilati che si trovano nella parte inferiore del corpo con i quali vanno a raschiare la roccia.
Questo comportamento, moltiplicato per milioni di esemplari, fa sì che i ricci di mare vadano a creare una quantità enorme di sedimenti: gli scienziati calcolano che possono arrivare a creare fino a 200 tonnellate di sedimenti di scarto per ettaro.

I cunicoli scavati dai ricci di mare viola (credito immagine: Michael P. Russell, Victoria K. Gibbs, Emily Duwan; PLoS ONE 13(2): e0191278)

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi