Ricercatore filma falena che beve lacrima di un uccello

Il video di una falena che beve lacrime che scendono dagli occhi di un uccello è stato pubblicato ieri sul canale di Science Magazine. Si tratta di un filmato girato nel novembre del 2017 da Leandro Moraes, ricercatore dell’Istituto nazionale di ricerca amazzonica a Manaus, in Brasile.

Mentre si trovava nel bel mezzo di una spedizione scientifica proprio nell’Amazzonia centrale, il ricercatore si è imbattuto in uno spettacolo quantomeno atipico: un uccello passeriforme della specie Hypocnemoides melanopogon, poggiato su un ramo, ospitava sul proprio corpo una falena della specie Gorgone macarea.

Non sono assolutamente rari casi di animali che si appoggiano, per scopi vari e anche per l’alimentazione, sul corpo di altri animali più grandi (per non parlare poi di simbiosi e parassitismo), ma in questo caso ci si trova di fronte a ciò non è mai stato testimoniato prima, almeno per quanto riguarda testimonianze filmate.

Il ricercatore ha infatti girato il video di una falena che, attraverso una sorte di “proboscide” che funge da prolunga, beve le lacrime che scendono da uno degli occhi di un uccello passeriforme con quest’ultimo che sembra dormire. E non si è trattato neanche di in caso tanto raro dato che lo stesso cercatore ha dichiarato che, circa tre quarti d’ora dopo, si è imbattuto nella stessa situazione con due esemplari diversi.

Su Science si cita il fatto farfalle e le api sono solite bere secrezioni oculari di altri animali (ad esempio le farfalle bevono le secrezioni oculari dei coccodrilli) ma non si poteva immaginare un caso come questo dato che uccelli passeriformi sono animali piccoli, spesso in rapido movimento, non proprio “luoghi” ospitali e confortevoli per fermarsi a bere un drink.
Perché bevono le lacrime degli uccelli? Non tanto per dissetarsi ma per acquisire diverse sostanze nutrienti tra cui sodio e proteine.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi