Ricordate la stella di Tabby? Un astronomo ne ha individuate altre 21 simili

La stella di Tabby non è più una rarità: da quando è stata scoperta nel 2015 la sua “intermittenza” ha fatto pensare un po’ a tutto, da pianeti e lune che soffocano periodicamente la sua luminosità fino a fantascientifiche strutture costruite dagli alieni per raccogliere l’energia della stella.

Ora sembra che questa particolarità non sia del tutto unica, come fa notare ScienceAlert che riprende uno studio pubblicato sull’Astrophysical Journal Letters.
Un astronomo ha infatti individuato altre 21 stelle che sembrano avere un comportamento simile alla stella di Tabby, anzi sei di esse sembrano ancora più estreme in termini di oscuramenti periodici inspiegabili ed imprevedibili.

I cali di luminosità delle stelle non sono nulla di particolare dato che intorno ad esse orbita un po’ di tutto ed è proprio grazie a questi cali che individuiamo gli esopianeti.
Tuttavia si parla sempre di oscuramenti periodici che avvengono regolarmente e che indicano la presenza di un pianeta o di un oggetto che orbita intorno alla stella.

Nel caso della stella di Tabby si tratta di oscuramenti senza alcuna periodicità, cali di luminosità che ancora oggi non sono ancora stati spiegati del tutto anche se le teorie non mancano.
A scoprire queste altre 15 stelle dai cali di luminosità irregolari è stato l’astronomo Edward Schmidt dell’Università del Nebraska-Lincoln.
Il ricercatore ha combinato vari dati raccolti nel Northern Sky Variable Survey e ha trovato varie stelle candidate ad avere una variabilità irregolare in termini di luminosità proprio come la stella di Tabby.

In queste stelle il ricercatore non vede periodicità e gli stessi cali di luminosità cambiano considerevolmente, come specifica in un suo intervento su ScienceAlert.
Il ricercatore ha diviso le stelle che ha identificato in due tipi: quelle lente, più simili alla stella di Tabby per quanto riguarda la tempistica dei cali di luminosità, e quelle più rapide, i cui i cali di luminosità sembrano avvenire invece più frequentemente.

Il ricercatore non conosce ancora le cause di questi cali di luminosità ma è sicuro che questi comportamenti possano essere del tutto paragonabili a quello della stella di Tabby.
Inoltre secondo il ricercatore sono tutte facenti parte di una stessa tipologia di stelle e già questo potrebbe essere un indizio importante.

La teoria principale resta ancora quella Inerente ad eventuali oggetti in orbita che causano questi oscuramenti anche se restano ancora molte cose da spiegare.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook