Robot scienziato scopre che ingrediente del dentifricio può contrastare malaria

Uno strumento robotico denominato “Eve” ha scoperto che un ingrediente, il triclosan, comunemente inserito anche nei dentifrici, può inibire la crescita dei parassiti della malaria Plasmodium.
La malaria che può resistere ai farmaci sta diventando una minaccia sempre più difficile da estirpare, in particolare in zone quali l’Africa e il sud-est asiatico.

Secondo gli scienziati, il triclosan può arrivare a colpire i parassiti non solo quando si fanno strada nel fegato, dove crescono e si riproducono, ma anche quando lasciano quest’organo e cominciano ad utilizzare i globuli rossi per moltiplicarsi in altre parti del corpo.
Elizabeth Bilsland, assistente universitaria presso l’Università di Campinas, in Brasile, ed una delle autrici della ricerca, conferma che si tratta di un composto sicuro che riesce a colpire il parassita nei due punti principali del suo ciclo vitale all’interno del corpo umano.

Lo strumento utilizzato, il robot-scienziato Eve, è un progetto poi reso realtà da un gruppo di scienziati delle università di Manchester, Aberystwyth e Cambridge. Serve in sostanza per automatizzare quel processo di scoperta di farmaci tramite test, una fase che può essere alquanto lenta ma che risulta comunque ripetitiva e quindi riproducibile tramite processi di robotica e tramite l’intelligenza artificiale.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi