Sarà costruito da AMD e Cray il più veloce supercomputer del mondo

Quello che probabilmente sarà il supercomputer più veloce del mondo sarà costruito da AMD e da Cray e sarà completato entro il 2021. Il nuovo computer, denominato Frontier, sarà reso disponibile per l’Oak Ridge National Laboratory nel Tennessee e avrà una potenza di elaborazione di più di 1,5 exaflop rientrando dunque nella categoria dei supercomputer “exascale”.
Si tratta della prossima generazione in termini di capacità di calcolo con potenze di elaborazione che vengono misurate in exaflop, ossia quintilioni di calcoli al secondo: un quintilione è rappresentabile con un’uno seguito da diciotto zeri.

Potrà eseguire calcoli avanzati in varie aree, principalmente nel campo della climatologia e in quello della fisica nucleare.
Il segretario all’Energia americano Rick Perry dichiara che “Le prestazioni record di Frontier garantiranno al nostro Paese la capacità di guidare il mondo nella scienza che migliora la vita e la prosperità economica di tutti gli americani e del mondo intero”.
Frontier avrà una potenza di elaborazione superiore anche ad Aurora, un altro supercomputer di categoria exascale, in corso di costruzione da parte di Intel e della stessa Cray, che sarà utilizzato dal Dipartimento dell’Energia statunitense.

Frontier potrà gestire una quantità impressionante di dati grazie anche ad una larghezza di banda di 24 milioni di volte superiore alla media delle connessioni Internet casalinghe. Potrà, giusto per fare un esempio, elaborare 100.000 filmati in HD in un secondo.
Naturalmente non si tratta di un PC desktop: occuperà una superficie equivalente a quella occupata da due campi da basket e funzionerà grazie a quasi 150 km di cavi.
Il record di primo computer di categoria exascale funzionante al mondo probabilmente apparterrà in ogni caso alla Cina che dovrebbe avere il suo primo modello attivo e funzionante entro il 2020.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo

Rispondi