Schiuma di cellulosa vegetale per gli impianti ossei del futuro

L'aerogel creato dai ricercatori (credito: Clare Kiernan/UBC)

Potrebbe essere considerata come la principale sostanza per gli innesti ossei del futuro la sostanza simile ad una schiuma fatta di cellulosa vegetale creata da un gruppo di ricercatori dell’Università della Columbia Britannica e della McMaster University.
Questi ultimi hanno utilizzato nanocristalli di cellulosa vegetale e li hanno uniti tra loro formando una sorta di spugna allo stesso tempo forte E leggera, una sorta di areogel.

Ad oggi gli innesti ossei sono sostanzialmente fatti di ceramica, un materiale ottimo per questi scopi ma pur sempre fragile che a volte non si comporta molto bene nel contesto della crescita dell’osso, tanto che talvolta può portare anche al fallimento dell’impianto stesso, come sottolinea Daniel Osorio, studente di ingegneria chimica e autore principale della ricerca.
Il nuovo areogel di cellulosa è stato già sperimentato sui ratti. Questi ultimi mostravano punteggi relativi alla crescita ossea migliori rispetto al gruppo di controllo.

Si tratta della prima ricerca che mostra che un’areogel fatto di nanocristalli di cellulosa può supportare la crescita ossea, come dichiara Emily Cranston, professoressa di ingegneria chimica e biologica e una delle autrici dello studio. Inoltre lo stesso materiale utilizzato, ossia una materia naturale, non comporta elementi di tossicità per il corpo.
Questo areogel naturale potrebbe essere utilizzato per una serie di impianti ossei o dentali nonché per interventi di sostituzione della colonna vertebrale.
Lo stesso materiale si rivela abbastanza economico in quanto la nanocellulosa viene già ad oggi prodotta in quantità commerciale, come riferisce Kathryn Grandfield, altra ricercatrice che ha supervisionato il lavoro.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook