Scienziati creano catalogo dei batteri dell’intestino umano

Uno gruppo di ricercatori del MIT e del Broad Institute ha creato un vasto campionario, contenente quasi 8000 ceppi, dei batteri del microbioma intestinale umano.
Come si sa da tempo, la maggior parte di questi batteri è utile o comunque non dannosa ma esiste una piccola minoranza che contribuisce a vari problemi di salute, tra cui le malattie infiammatorie intestinali.

Il set di dati è disponibile per tutti gli altri ricercatori la speranza dei suoi creatori è che possa aiutare a fare maggiore luce sulle varie dinamiche delle numerose popolazioni di batteri che si trovano nel tratto digestivo degli esseri umani, come specifica Eric Alm, direttore del Center for Microbiome Informatics and Therapeutics Nonché professore al Al MIT.

Il database è stato realizzato tramite l’analisi delle feci raccolte da circa 90 persone dell’area di Boston nel corso di due anni.
Attualmente i ricercatori stanno cercando di rendere migliore lo stesso database analizzando campioni provenienti da tutto il mondo. In questo modo, per esempio, si potranno individuare e catalogare anche i ceppi microbici che non si trovano nei tratti intestinali di quelle persone che vivono in un’area industrializzata e in ogni caso il catalogo risulterà di certo più completo.

“Esplorare questa diversità genetica e funzionale è affascinante – ovunque guardiamo, scopriamo cose nuove. Sono convinto che arricchire le biobanche con una grande varietà di ceppi da individui che vivono stili di vita diversi è essenziale per i futuri progressi nella ricerca sul microbioma umano”, riferisce Mathilde Poyet, ricercatrice del MIT e una delle autrici principali dello studio apparso su Nature Medicine.

Questo studio si innesta in quella corrente di nuove ricerche che sta prendendo sempre più in considerazione il peso e l’importanza in generale dei microbiomi umani. Nonostante le numerose ricerche, al momento risulta ancora difficile capire le funzioni di molti batteri e i collegamenti che possono avere con varie malattie.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook