Scienziati creano composto che blocca la morte delle cellule

Un composto che aiuta le cellule a rimanere in vita e a funzionare in maniera sana è stato sviluppato da un gruppo di ricerca australiano.
I risultati dello studio, pubblicati su Nature Chemical Biology, mostrano che questo composto può prevenire la cosiddetta apoptosi, la morte cellulare, qualcosa che potrebbe rivelarsi importante nei casi delle procedure mediche d’emergenza oppure per ridurre i danni alle cellule a seguito degli infarti nonché per preservare gli organi per i trapianti.

I ricercatori hanno creato un particolare composto che disabilita con successo due proteine, denominate BAK e BAX, che fanno parte della famiglia di proteine denominata BCL-2.
Quando BAK e BAX vengono attivate, le cellule superano un “punto di non ritorno” e muoiono. Il composto, basato su una nuova piccola molecola di solfone triciclico, arresta questo processo a “cascata” che fa iniziare la morte delle cellule proprio nel punto in cui inizia e prima che vengano apportati danni mitocondriali.

Il risultato è giunto dopo 11 anni di ricerche eseguite da ricercatori del Walter Ed Eliza Hall Institute.
Uno dei ricercatori coinvolti nello studio, Guillaume Lessene, parla di un “blocco della morte cellulare” come un risultato “eccezionale per la sua capacità di mantenere le cellule vive e sane in laboratorio”.

Un altro ricercatore impegnato nello studio, David Huang, spiega che questi risultati potrebbero rivelarsi molto utili per prevenire la morte incontrollata delle cellule a seguito, per esempio, di una lesione acuta, per accelerare il recupero dei pazienti o finanche salvargli la vita.
Allo studio ha partecipato anche Benjamin Kile, ora ricercatore all’Università Monash.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo