Scienziati del MIT creano sistema per cambiare colori degli oggetti

Un nuovo sistema per far cambiare colori agli oggetti è stato sviluppato da un team di scienziati del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT.

I ricercatori hanno creato un metodo basato su un inchiostro programmabile grazie al quale una superficie può cambiare i propri colori se è esposta ai raggi ultravioletti oppure ai raggi di luce visibile a determinate lunghezze d’onda.
Il sistema, denominato PhotoChromeleon, utilizza un particolare inchiostro fatto di coloranti fotocromatici di natura liquida che possono essere spruzzati o anche verniciati. Una volta applicati l’oggetto può cambiare il colore o i colori a seconda del raggio di luce che lo illumina, un processo reversibile che può essere ripetuto.

Il sistema è già stato testato su varie tipologie di oggetti, dalle custodie degli smartphone fino ai modellini di automobili e gli stessi ricercatori hanno creato un video pubblicato poi su YouTube.

Ed è proprio nell’ambito della personalizzazione che un sistema del genere potrebbe trovare la sua applicazione migliore, come fa intendere Yuhua Jin, l’autore principale dello studio relativo a questo progetto: “Gli utenti possono personalizzare i loro effetti personali e l’aspetto su base giornaliera, senza la necessità di acquistare lo stesso oggetto più volte in diversi colori e stili”.

Il ricercatore, insieme ai colleghi, ha modificato un sistema già esistente, denominato ColorMod, il quale però necessitava della stampa di ogni pixel sull’oggetto. Inoltre i colori potevano essere solo due: il colore di base dell’oggetto oppure trasparente.
Con questo nuovo metodo si possono cambiare tutti i colori che si vogliono a seconda del del colorante fotocromatico applicato sulla superficie.

Ogni colorante interagisce con diverse lunghezze d’onda e quindi è possibile controllare ciascun “canale” di colore attivandolo o disattivandolo a piacere a seconda della lunghezza d’onda della sorgente luminosa emessa.
Il metodo prevede l’immissione dell’oggetto all’interno di una scatola che vanta un particolare proiettore ed una luce ultravioletta che serve per “cancellare” i colori e ricominciare.

Lo stesso ricercatore ha pensato anche di creare un’interfaccia per un’elaborazione automatica dei disegni e dei modelli fornendo quindi agli utenti una sorta di autonomia per la personalizzazione.
Il processo di colorazione impiega da 15 a 40 minuti a seconda della forma e della grandezza dell’oggetto.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo