Scienziati scoprono che grelina, l’ormone della fame, migliora la memoria

Un gruppo di ricercatori ha scoperto che la grelina, già definita come “l’ormone della fame” perché è la responsabile della trasmissione dei segnali della fame dall’intestino al cervello, può migliorare la memoria.

Questa sostanza, prodotta nello stomaco, si lega a particolari recettori del nervo vago, un nervo che collega l’intestino al cervello.
Secondo Scott Kanoski, autore senior dello studio, la grelina aiuta il nervo vago a promuovere la memoria, almeno nei topi da laboratorio sui quali sono stati condotti gli esperimenti.

Bloccando nei ratti la segnalazione della grelina attraverso un metodo denominato interferenza dell’RNA, i ricercatori scoprivano che i topi ottenevano risultati peggiori nei test di memoria episodica, test che implicano il dover ricordare quando si è verificato o dove si trova qualcosa.
Nel caso di questi esperimenti, i ratti dovevano ricordare dove era situato un oggetto in una specifica posizione.

Inoltre quando veniva interrotto il segnale della grelina attraverso il nervo vago, i roditori tendevano a mangiare più frequentemente ma consumando quantità più piccole ad ogni pasto.
Secondo i ricercatori, anche questa caratteristica sarebbe correlata al problema relativo alla memoria ridotta in quanto “decidere di mangiare o non mangiare è influenzato dal ricordo del pasto precedente”, come specifica Elizabeth Davis, l’autrice principale dello studio.
Queste scoperte potrebbero rivelarsi utili per migliorare la capacità di memoria negli esseri umani.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo

Rispondi