Scienziati scoprono che taniciti sono tra i responsabili del controllo dell’appetito nel cervello

Taniciti che esprimono il canale ionico sensibile alla luce (verde), un marcatore tanicita generale (credito: Università di Warwick)

Uno studio che approfondisce il ruolo dei taniciti, cellule gliali del cervello che regolano il bilancio energetico e quello ormonale, è stato prodotto da un team di ricercatori dell’Università di Warwick.
I ricercatori hanno scoperto che quando i taniciti vengono stimolati l’appetito aumenta, una scoperta che suggerisce che gli stessi taniciti sono responsabili dei segnali che arrivano ai neuroni cerebrali e che attivano l’appetito.

Già in precedenza si era scoperto che i taniciti possono rilevare i composti nutrienti negli alimenti segnalando direttamente al cervello ciò che si è ingerito. Eseguono questo compito “analizzando” gli aminoacidi che si trovano negli alimenti, analisi fatte attraverso gli stessi recettori che rilevano il sapore e che si trovano nelle papille gustative sulla lingua.

Nel corso dei loro esperimenti i ricercatori hanno attivato in maniera molto specifica i taniciti arrivando ad osservare l’identità precisa dei neuroni che attivavano. Così facendo hanno scoperto che i taniciti possono attivare due percorsi diversi, uno collegato ad un impulso più grande per l’alimentazione, l’altro ad un azionamento ridotto per l’alimentazione e ad un più grande dispendio energetico.

“I taniciti rispondono ai nutrienti che segnalano l’effetto di sentirsi sazi, quindi ci aspetteremmo che quando i taniciti sono stimolati mangeresti di meno, ma sorprendentemente abbiamo scoperto che in realtà mangi di più. Abbiamo stabilito un legame tra i taniciti e l’assunzione di cibo, ma non capiamo ancora come possano contribuire al controllo del peso corporeo a lungo termine”, spiega Nicholas Dale, ricercatore della School of Life Sciences a Warwick ed uno degli autori dello studio.
La speranza è che una scoperta del genere possa rivelarsi utile proprio per quanto riguarda il controllo del peso attraverso una più attenta alimentazione, in sostanza tramite il controllo dell’appetito.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook