Scienziati scoprono come batteri si lanciano nell’aria tramite bolle che scoppiano sull’acqua

I ricercatori del MIT hanno scoperto che i batteri possono rendere più longeve le bolle superficiali tramite le quali si spandono anche nell'aria (credito: Massachusetts Institute of Technology)

Un interessante studio prodotto dal MIT e pubblicato su Physical Review Letters ha analizzato come lo scoppio delle bolle sulle superfici dei corpi acquosi possono diffondere batteri nell’aria. Parliamo delle bolle galleggianti sulla superficie, per esempio, di pozzanghere, laghi e ruscelli ma anche di corpi acquosi artificiali quali piscine, vasche idromassaggio, fontane pubbliche ed emettitori d’acqua di servizi igienici. Le bolle, sostanzialmente, sono onnipresenti non solo all’interno del liquido ma anche sulla superficie.

Secondo lo studio del MIT, i batteri sono capaci di influenzare anche la longevità di una bolla: una bolla coperta di batteri e che galleggia sulla superficie dell’acqua può durare anche 10 volte di più rispetto ad una bolla con un numero di batteri inferiore.
I ricercatori infatti hanno eseguito degli esperimenti contaminando delle bolle con il batterio Escherichia coli e notando che questi ultimi permettevano alle bolle stesse di rimanere sulla superficie per un tempo molto più lungo rispetto alle bolle non contaminate.

Secondo le ipotesi di ricercatori, le secrezioni batteriche riuscirebbero a ridurre la tensione superficiale della bolla rendendola più elastica e più resistente ad eventuali perturbazioni.
Inoltre i ricercatori hanno rilevato che più la bolla è sottile, più sono le goccioline che riesce a lanciare in aria una volta che scoppia. Secondo i ricercatori, infatti, una singola goccia può trasportare nell’aria fino a migliaia di microrganismi e ogni bolla può emettere centinaia di goccioline.

Quando una vecchia bolla si rompe sulla superficie dell’acqua, la sua capsula si frammenta in numerose piccole gocce (credito: MIT)
Le goccioline delle bolle che scoppiano vengono espulse nell’atmosfera, dove possono essere trasportate per lungo tempo (credito: MIT)

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi