Scienziati scoprono nuovo stato materiale

Momenti magnetici con allineamenti fluttuanti di 120 gradi diversi da quelli dei loro vicini (credito: Lilli McKinney)

Un team di scienziati annuncia un “nuovo stato materiale” che era stato a lungo ipotizzato ma che non era mai stato realizzato in laboratorio.
Il professore di ingegneria dei materiali Stephen Wilson, dell’Università della California a Santa bar, ha infatti pubblicato un nuovo studio su Nature Physics insieme ai colleghi Leon Balents, del Kavli Institute for Theoretical Physics, Mark Sherwin, professore del Dipartimento di Fisica e lo studente Mitchell Bordelon, insieme ad altri studenti.

I ricercatori descrivono uno “stato liquido di spin quantico”, uno stato fisico che era stato a lungo cercato nell’ossido di itterbio di sodio (NaYbO2).
Tra gli effetti più interessanti di questo nuovo stato fisico in relazione a questo materiale c’è il fatto che anche alla più bassa temperatura misurabile (0,005 gradi centigradi sopra lo zero assoluto) ancora non si tende a riordinarsi.

“Tuttavia, in questo materiale possiamo anche applicare un campo magnetico, che interrompe questa competizione generata dalla frustrazione magnetica, e quindi possiamo guidarlo all’ordine, inducendo un tipo speciale di stato antiferromagnetico”, riferisce Wilson nel comunicato stampa apparso sul sito dell’Università californiana. “La ragione per cui è importante è che questo stato speciale è molto delicato e un’ottima impronta digitale per quanto disturbo chimico c’è nel sistema e la sua influenza sullo stato fondamentale magnetico. Il fatto che possiamo guidare questo stato guidato dal campo ci dice che lo stato disordinato che vediamo a bassa temperatura con campo magnetico zero è effettivamente uno stato disordinato intrinsecamente quantico, coerente con l’essere uno stato liquido di spin quantico”.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo