Scienziato giapponese teletrasporta informazioni quantistiche dentro un diamante

Un gruppo di ricercatori dell’Università nazionale di Yokohama, Giappone, dichiara di aver “teletrasportato informazioni quantiche in modo sicuro” all’interno del diamante.
Lo studio, pubblicato su Communications Physics potrebbe rivelarsi importante nel contesto dell’informazione quantistica applicata all’informatica.

Come ricorda lo stesso Hideo Kosaka, che insegna ingegneria nella suddetta università, il teletrasporto quantistico consente il trasferimento di informazioni senza distruggere le stesse in uno spazio “altrimenti inaccessibile”.
Il ricercatore ha infatti teletrasportato le informazioni all’interno di un diamante fatto di atomi di carbonio collegati che vanno a formare un reticolo molto forte.

Tuttavia anche i diamanti hanno dei difetti di struttura e tra di essi vi è il cosiddetto “centro vacante di azoto” (nitrogen-vacancy center), un fenomeno che accade quando un atomo di azoto si trova in uno dei due posti vacanti adiacenti ai posti dove dovrebbero trovarsi gli atomi di carbonio.

Kosaka ha sfruttato questo difetto attaccando un filo meno spesso di un capello umano alla superficie del diamante, costruendo un campo magnetico oscillante intorno a quest’ultimo e riuscendo a controllare il trasferimento delle informazioni quantistiche.

L’obiettivo finale di Kosaka è quello di “realizzare ripetitori quantici scalabili per comunicazioni quantistiche a lungo raggio e computer quantici distribuiti per calcoli e metrologia quantistica su larga scala”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook