Scontro con Antlia 2 formò increspature del disco esterno della via Lattea

Il disco esterno della via Lattea caratterizzato da varie increspature gassose che sono state nel corso degli anni oggetto di studio. La causa che le ha generate non è stata identificata del tutto e un nuovo studio, condotto da Sukanya Chakrabarti, ricercatrice del Rochester Institute of Technology pone sul tavolo una nuova teoria riguardo alla loro formazione.

Queste increspature sarebbero state prodotte da una collisione avvenuta nel passato tra la via Lattea e la galassia nana Antlia 2, una galassia con dimensioni simili a quelle della Grande nube di Magellano ma molto più debole a livello diluminosità tanto che è definita come galassia oscura.
Analizzando i dati prodotti dalla missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea, ricercatrice è riuscita a capire che Antlia 2 si è schiantata in un qualche punto nel passato contro la via Lattea producendo le grandi increspature nel disco di gas esterno che oggi vediamo.

Ulteriori dati prodotti da Gaia renderanno questa teoria ancora più chiara. Tra l’altro questo lavoro potrebbe aiutare anche a comprendere da che cosa possa essere fatta la materia oscura, come spiega la stessa Chakrabarti: “Se Antlia 2 è la galassia nana che avevamo previsto, sai quale doveva essere la sua orbita. Sai che deve essersi avvicinata al disco galattico. Ciò pone vincoli stringenti, quindi, non solo sulla massa, ma anche sul suo profilo di densità. Ciò significa che alla fine è possibile utilizzare Antlia 2 come un laboratorio unico per conoscere la natura della materia oscura.”

Non si tratta dell’unica teoria riguardo alle increspature esterne della via Lattea: in questo lavoro però i ricercatori hanno escluse le altre maggiori.
Ad esempio la forza di marea della Galassia Nana Ellittica del Sagittario è giudicata dagli stessi ricercatori come insufficiente mentre la Grande Nube di Magellano e la Piccola Nube di Magellano risultano troppo distanti per avere un effetto gravitazionale sulla materiale esterno della via Lattea.

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook