Scoperta di ossa macellate di uccello estinto fa indietreggiare data dell’arrivo dei primi umani in Madagascar

Aepyornis maximus confrontato con un essere umano.

Secondo diverse teorie, che comunque hanno acceso tra i paleontologi un ampio dibattito, l’approdo dei primi esseri umani sull’isola di Madagascar avrebbe causato l’estinzione della megafauuna in essa presente.
Il problema è che il periodo stesso dell’approdo dei primi esseri umani su quest’isola non è ancora stato compreso con precisione. Diverse stime collocano i primi esseri umani sull’isola intorno a 2500 anni fa, altre a più di 4000 anni fa.

Ora una nuova ricerca, apparsa questa settimana su Science Advances, fa indietreggiare queste stime di diversi millenni, collocando l’evento ha più di 10.500 anni fa.
La ricerca si basa sulla scoperta di alcune ossa macellate di Aepyornis maximus, un enorme uccello una volta presente a Madagascar, poi estintosi.
Queste ossa, chiaramente sfregiate dalle lame, rappresenterebbero una delle più importanti prove riguardo alla teoria degli esseri umani quali distruttori della megafauna di Madagascar e, in linea più generale, rafforzano la convinzione secondo cui gli esseri umani sarebbero la prima causa riguardo all’estinzione dei grandi mammiferi e dei grandi uccelli una volta presenti in vari luoghi inesplorati della Terra.

La scoperta è avvenuta nel 2016 quando James Hansford della Zoological Society di Londra ha eseminato delle ossa, lunghe più di due metri, del cosiddetto “uccello elefante” (Aepyornis maximus, ordine degli epiornitiformi).
Il ricercatore, insieme ai colleghi, Ha infatti notato diverse scanalature sulle ossa, probabilmente risultato dell’attività di macellazione della preda eseguita dagli esseri umani. Queste ossa risalgono a circa 10.500 anni fa e rappresentano la prova più antica mai individuata riguardo alla presenza umana in Madagascar.

Tuttavia lo stesso Hansford ritiene che l’estinzione della mega uccello, e presumibilmente anche della megafauna dell’isola, non sia avvenuta subito dopo l’arrivo degli esseri umani: questi ultimi avrebbero coesistito con la megafauna per più di nove millenni. L’estinzione della megafauna sarebbe avvenuta solo con il diffondersi dell’agricoltura e con l’aumento della caccia, quindi diversi millenni dopo l’arrivo dei primi umani.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi