Scoperte cellule staminali nel nervo ottico: svolta per cura del glaucoma?

Le cellule staminali si trovano anche nella regione del nervo ottico: è quanto hanno scoperto i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università del Maryland. Il nervo ottico è un nervo che serve per trasmettere i segnali dall’occhio al cervello. Secondo i ricercatori questa scoperta potrebbe rivelarsi utile per trattare le forme più comuni di glaucoma.

Nel loro studio, pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences, i ricercatori parlano di “cellule progenitrici neurali” presenti nel tessuto nervoso ottico fin dalla nascita. Si tratta di cellule che restano in questa collocazione per decenni e che hanno un ruolo soprattutto nel sostenere le fibre nervose che avvolgono il nervo ottico, come spiega Steven Bernstein, professore del dipartimento di oftalmologia e scienze visive che ha condotto lo studio.

Si tratta di cellule molto importanti in quanto, se in quantità troppo basse, le fibre del nervo ottico facilmente perderebbero consistenza e inizierebbero a deteriorarsi troppo facilmente. Come lasciano intendere i ricercatori, proprio questa condizione sarebbe una delle cause principali del glaucoma.
Il danno ai nervi è infatti collegato alla pressione oculare troppo alta causata a sua volta dall’accumulo di liquido che non viene scaricato in maniera corretta.

È la prima volta che le cellule progenitrici neurali vengono individuate nel nervo ottico, come spiega ancora Bernstein. La presenza di queste speciali cellule apre ad eventuali nuovi trattamenti per la riparazione dello stesso nervo ottico, qualcosa che lo stesso scienziato ritiene “molto eccitante”.
Ora lo scienziato vuole eseguire degli esperimenti sui topi geneticamente modificati per capire come e quanto la diminuzione delle stesse cellule progenitrici nel nervo ottico causi il glaucoma e come si può prevenire tale fenomeno.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook