Scoperte due supermontagne esistite centinaia di milioni di anni fa: hanno guidato l’evoluzione?

Credito: akspiel, Pixabay, ID: 6993725

La scoperta è stata fatta da una studentessa di dottorato dell’Australian National University (ANU) ed è descritta in un interessante studio pubblicato su Earth and Planetary Science Letters.
La ricercatrice ha scoperto due catene montuose enormi esistite centinaia di milioni di anni fa. Una delle due, giusto per far capire le dimensioni, si estendeva per 8000 km, almeno per 3-4 volte l’estensione del gruppo montuoso dell’Himalaya, attraverso interi supercontinenti.

Due supermontagne

In particolare il ricercatore ha individuato due supermontagne o catene montuose. Una delle due si è formata due volte in tutta la storia della Terra, una volta tra 2 e 1,8 miliardi di anni fa e una seconda volta tra 650 e 500 milioni di anni fa.

Coincidenze che suggeriscono cose molto interessanti

Ziyi Zhu, l’autrice principale dello studio, spiega che non esiste niente di così massiccio oggi. La prima montagna, che i ricercatori hanno denominato “supermontagna Nuna” è apparsa più o meno nello stesso periodo in cui sono comparsi gli organismi eucarioti, i primi organismi che poi hanno originato tutte le piante gli animali che vediamo oggi.
La seconda super montagna, denominata Transgondwanan, coincide invece con la comparsa dei primi grandi animali, avvenuta all’incirca 575 milioni di anni fa, e con il periodo dell’esplosione del Cambriano, avvenuta poche decine di milioni di anni dopo. Si tratta di un periodo, quest’ultimo, durante il quale c’è stata una fortissima diversificazione della vita e sono apparsi i primi gruppi animali che poi oggi si sono dipanati negli esseri viventi che vediamo oggi.

L’erosione delle due super montagne ha guidato l’evoluzione della vita?

Secondo i ricercatori queste due enormi catene montuose sono probabilmente collegate all’emersione delle cellule complesse e, per quanto riguarda la seconda, all’emersione degli animali per come li conosciamo oggi.
Ciò è da spiegare con il fatto che quando le montagne hanno cominciato ad rodersi, hanno anche iniziato a fornire quantità enormi di nutrienti essenziali per la vita, come ferro e fosforo negli oceani. Ciò potrebbe aver guidato letteralmente l’evoluzione facendo diventare la stessa vita più complessa.

Probabilmente hanno aumentato anche livelli di ossigeno

Inoltre queste super montagne probabilmente hanno aumentato anche livelli dell’ossigeno nell’atmosfera, altro vantaggio per la vita. All’inizio della storia della Terra, infatti, la sua atmosfera non conteneva quasi per nulla l’ossigeno, come spiega Zhu. La comparsa di queste due super catene montuose probabilmente ha agevolato la presenza dell’ossigeno nell’atmosfera.

Sembrano essere unici

Questi due enormi gruppi montuosi sembrano essere unici: non sono state trovate prove di altre supermontagne che si siano formate tra la scomparsa della prima e quella della seconda. E proprio durante questo intervallo, tra tra 1,8 miliardi e 800 milioni di anni fa, guardacaso, c’è stato pochissimo progresso nell’evoluzione, come spiega il professore Ian Campbell, altro autore dello studio.

Note e approfondimenti

  1. The temporal distribution of Earth’s supermountains and their potential link to the rise of atmospheric oxygen and biological evolution – ScienceDirect (DOI: 10.1016/j.epsl.2022.117391)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo