Scoperti 80 nuovi probabili esopianeti analizzando dati di Keplero con nuovo metodo veloce

Nuovi risultati pubblicati da parte di scienziati ed astronomi del Mit mostrano che la missione K2 della telescopio spaziale Keplero non sembra di certo finita. Secondo lo studio apparso sull’Astronomical Journal ci sono 30 nuovi candidati a pianeti extrasolari e tra di essi ve n’è uno abbastanza interessante perchè potrebbe essere l’esopianeta intorno alla stella più luminosa mai individuato.

Questo pianeta orbita, o meglio sembrerebbe orbitare (gli esopianeti debbono ancora essere confermati), intorno alla stella HD 73344 ogni 15 giorni; gli astronomi ritengono che abbia dimensioni di circa 2,5 volte quelle della Terra e una massa di 10 volte superiore. Dovrebbe essere molto caldo con una temperatura che si aggira tra il 1200 e i 1300 °C.

Potrebbe sembrare una versione più piccola e più calda di Urano e Nettuno, come riferito da Ian Crossfield, assistente professore di fisica al MIT, uno degli autori dello studio con la studentessa Liang Yu.
La stella e l’ipotetico pianeta che gli gira intorno si trovano ad una distanza di circa 114 anni luce dalla Terra. Secondo gli scienziati, questo pianeta potrebbe essere uno dei candidati migliori per quanto riguarda i futuri studi delle atmosfere degli esopianeti, nonchè di molte altre caratteristiche.

Lo studio ha analizzato circa 50.000 stelle precedentemente monitorate dal satellite Keplero e la ricerca è stata effettuata molto velocemente (secondo gli astronomi che l’hanno condotta, un’analisi come questa richiede un periodo di tempo tra diversi mesi un anno).
Metodi del genere, che riducono di molto il tempo per l’analisi di decine di migliaia di stelle per verificare la presenza di esopianeti intorno ad esse, potrebbero risultare molto utili quando inizieranno ad arrivare i corposi dati del telescopio TESS della NASA che monitorerà una porzione di cielo molto più grande rispetto a Keplero.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi