Scoperti fossili di pitoni vissuti in Europa 47 milioni di anni fa, i più antichi mai individuati

Uno dei fossili ritrovati dai ricercatori della nuova specie Messelopython freyi. Si tratta dei fossili di pitoni più antichi mai individuati, risalenti a 47 milioni di anni fa (credito: Senckenberg)

Una nuova specie di pitone vissuto all’incirca 47 milioni fa è stata identificata da un team di ricerca composto da Hussam Zaher dell’Università di San Paolo e da Krister Smith dell’istituto Senckenberg e del Museo di Storia Naturale di Francoforte. I fossili di due esemplari erano stati ritrovati vicini nel sito di Messel Pit, a 35 km a sud-est di Francoforte, Germania, conservati abbastanza bene.
Denominata Messelopython freyi, la nuova specie di pitone viene descritta in un nuovo studio apparso su Biology Letters.

Oggi i pitoni, potendo raggiungere una lunghezza che può superare i sei metri, sono considerati tra i serpenti più lunghi del mondo. Varie specie di pitoni si trovano in Africa, nell’Asia meridionale e sudorientale nonché in Australia. La loro origine geografica ad oggi non è ancora chiara e probabilmente questo nuovo studio potrà essere d’aiuto in questo senso, come lascia intendere la stessa Smith.
Si tratta dei fossili di pitone più antichi mai individuati e mostrano che questi serpenti si trovavano già in Europa durante l’eocene, più di 47 milioni di anni fa.

Questi grandi serpenti costrittori, tuttavia, sono poi letteralmente scomparsi dal nostro continente per un lungo periodo riapparendo solo in un periodo compreso tra 23 e 5 milioni di anni fa, durante il miocene. Si tratta diun periodo, quest’ultimo, durante il quale il clima globale si mantenne un po’più caldo per poi raffreddarsi di nuovo, cosa che procurò di nuovo la scomparsa di pitoni dall’Europa.
I ricercatori pensano che nel sito in cui sono stati ritrovati questi due fossili di pitone, questi ultimi vivevano insieme agli Eoconstrictor fischeri, dei boa primitivi, cosa che dimostra che questi due serpenti, in quest’epoca così lontana, potevano condividere lo stesso habitat.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo