Scoperto fossile del giglio più antico mai ritrovato

Il fossile del giglio ritrovato in Brasile (credito: Museum für Naturkunde Berlin)

È il giglio fossilizzato più antico mai ritrovato quello scoperto dal botanico Clement Coiffard del Museum für Naturkunde di Berlino nella regione di un ex lago d’acqua dolce vicino Crato, nel nord-est del Brasile.
Dell’età di 115 milioni di anni, si tratta di uno dei fossili di piante monocotiledoni più antichi tra quelli conosciuti; si tratta di piante che includono, tra le altre, anche le orchidee e le erbe dolci.

Il giglio, che apparteneva alla specie Cratolirion, risulta anche “straordinariamente ben conservato” , come specifica l’articolo di presentazione sul sito della Helmholtz-Zentrum Berlin für Materialien und Energie.
Sono rimaste intatte sostanzialmente le tracce di tutte le sezioni della pianta, incluse le radici oltre ai fiori e alle singole cellule. Tra l’altro la pianta presentava foglie strette a venatura parallela con sistema di radici fibrose e fiori tripli, tutte caratteristiche delle piante monocotiledoni.

Il fiore era alto 40 cm e il fossile è costituito da ossidi di ferro associati alla pietra. I ricercatori hanno utilizzato anche tecnica di analisi 3D con raggi X e tomografie computerizzate tridimensionali e hanno quindi analizzato i dettagli dell’infiorescenza.

La specie è nuova ed è stata classificata come Cratolirion bognerianum. Questo studio si rivelerà importante per comprendere come l’ambiente tropicale abbia influenzato le piante da fiore, argomento in parte ancora inesplorato anche perché sono pochissimi i fossili di queste piante descritti fino ad ora, come specifica lo stesso Coiffard.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

1 Commento

  1. Segnalo un errore grossolano:

    I colori che riportate sono semplicemente il color-code della didascalia dell’articolo, e non certo il colore delle parti della pianta!

    Per cortesia, quando pubblicate un riassunto di un paper scientifico verificate la coerenza di quel che riportate. Errori come questo potrebbero essere evitati facilmente prestando un minimo di attenzione.

    Grazie

I commenti sono bloccati.