Scoperto incredibile “sesto senso elettrico” in api e bombi

Api e bombi possiedono una sorta di “sesto senso”, un senso finora sconosciuto, che permette loro di capire a distanza se un fiore è stato visitato da poco da un altro insetto.
A coordinare lo studio è stato il professore Daniel Robert, un esperto di comportamento degli animali dell’Università di Bristol. Secondo Robert, bombi e api possono percepire debolissimi campi elettrostatici che si creano nei pressi dei fiori. Questo campo elettrico è percepibile dall’animale, senza che quest’ultimo tocchi il fiore. In questo modo capisce se il fiore stesso è stato già toccato da altri insetti negli ultimi secondi o addirittura minuti.
Si tratta di un esempio di elettroricezione nell’aria, un senso che è stato trovato anche in alcuni pesci tra cui squali e razze. Anche quest’ultimi, infatti, possono rilevare piccoli campi elettrici creati da altri animali marini all’interno dell’acqua.
Inoltre in passato alcuni scienziati hanno scoperto che alcuni mammiferi acquatici, come ornitorinchi e delfini, utilizzano questi stessi campi elettrici per massimizzare la caccia alle prede.

Come spiega il comunicato stampa apparso sul sito dell’Università inglese, era cosa già conosciuta che api tendono a sviluppare una carica elettrostatica quando volano nell’aria in quanto perdono degli elettroni, perdita causata proprio dallo sfregamento del corpo contro l’area. Si viene dunque a creare una carica elettrica positiva sul corpo dell’animale. È lo stesso effetto che si ha quando si sfrega un palloncino gonfiabile contro un maglione solo che la carica creata dalle api risulta più debole di 10.000 volte.
I fiori sono invece caricati negativamente in quanto prelevano gli elettroni dal terreno. Dunque il polline caricato negativamente tende ad attaccarsi con maggiore efficacia all’ape o al bombo caricato positivamente proprio perché le cariche opposte si attraggono.

Tuttavia il professor Robert, insieme ai colleghi, ha voluto capire se ci fosse di più in questa speciale interazione. I ricercatori hanno dunque inserito un elettrodo in un fiore e hanno rilevato che c’è una piccola corrente che scorre nella pianta ogni volta che l’insetto sia vicina ad essa nell’aria. Il fiore e l’ape, aventi cariche opposte, generano un piccolo campo elettrostatico tra di loro.
Eseguendo poi un esperimento con i bombi, i ricercatori scoprivano che potevano percepire questo campo elettrico e capire se esso era associato ad una ricompensa a meno. Tramite questa piccola carica elettrica creata precedentemente da altri insetti, api e bombi erano in grado di identificare le probabilità di maggior presenza di polline nel fiore.
Questi campi elettrici vengono rilevati da api e bombi attraverso i piccoli peli posti sul loro corpo che cominciano a muoversi in presenza dei deboli campi elettrici. Questi peli vantano dei nervi alla base molto sensibili che possono rilevare piccolissimi movimenti, di appena sette nanometri, causati dal debole campo elettrico.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook