Scoperto meccanismo cerebrale che spinge a non mangiare quando si è sazi

Attivazione dei neuroni hD2R nei topi (credito: Laboratory of Molecular Genetics at The Rockefeller University)

In uno studio pubblicato su Neuron, un gruppo di scienziati mostra l’esistenza di un particolare meccanismo cerebrale che scatena l’impulso a mangiare. Questo è ciò che hanno scoperto negli esperimenti sui topi dove questi circuiti cerebrali svolgono anche un ruolo nella regolazione della memoria e in generale sono alla base di un alimentazione bilanciata.

Estefania Azevedo, scienziata della Rockefeller University, insieme ai colleghi Paul Greengard, Vincent Astor e Jia Cheng, ha identificato un gruppo di cellule nell’ippocampo conosciute come neuroni hD2R. Queste ultime sembrano fortemente collegate con l’attività di alimentazione da parte dei topi. Se si stimolano questi neuroni, i topi tendono a mangiare di meno.

Questo significa che questi neuroni non solo spingono gli animali a mangiare ma possono essere responsabile anche in quei casi in cui è bene esercitare moderazione. Sostanzialmente, se un animale ha appena mangiato ed è sazio, non sarà spinto a mangiare ancora, anzi, continuare a cibarsi potrebbe finanche risultare pericoloso. In questi casi sono proprio quei neuroni a negare questa spinta.

Sembra che rendano il mangiare meno gratificante, come riferisce la Azevedo. Inoltre questi neuroni supportano anche funzioni legate alla memoria. Nello specifico creano una connessione mentale tra il luogo in cui un animale ha trovato del cibo e l’idea stessa di cibo, in modo che l’animale possa tornare in quel posto.
Uno studio del genere potrebbe servire per regolare i livelli di sazietà e di fame nonché per imparare a cambiare il proprio rapporto con il cibo anche per quanto riguarda gli esseri umani.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo