Scoperto nuovo batterio specializzatosi a vivere sui pannelli solari

I campioni di batteri analizzati da Kristie Tanner all'università di Harvard

Un nuovo batterio che si è specializzato per vivere sulla superficie dei pannelli solari è stato scoperto da una studentessa universitaria durante un soggiorno di tre mesi a Boston. Kristie Tanner ha scoperto il batterio su una serie di pannelli solari installati nell’arboretum Arnold dell’Università di Harvard.
La nuova specie, denominata Sphingomonas solaris, sembra essersi specializzata nello sfruttare al massimo l’ambiente relativo alla superficie di un pannello solare in quanto mostra un’affinità particolare per la stessa radiazione solare, per le alte temperature e per le fluttuazioni delle stesse temperature.

Caratterizzato da inusuali pigmenti carotenoidi, il batterio sembra essersi evoluto anche per sopravvivere ad un ambiente che è comunque caratterizzato da pochi nutrienti e che è molto secco.
Una combinazione di caratteristiche abbastanza difficile da trovare nel New England ma che evidentemente questo batterio ha saputo sfruttare vivendo su una costruzione umana.
Si tratta di un batterio gram-negativo, non mobile, che ha una forma a bastoncino.

Questo studio mostra che, anche se gli esseri umani possono modificare fortemente gli ambienti, soprattutto con l’urbanizzazione, vengono comunque a crearsi degli ecosistemi “artificiali” che forme di vita più estremofile, come possono essere i batteri, possono comunque sfruttare.
D’altronde abbiamo batteri che vivono sotto il ghiaccio dell’antartico oppure in deserti aridi e caldissimi che sembrano non offrire proprio nulla, perché ci si dovrebbe stupire nel trovare batteri che hanno fatto della superficie dei pannelli solari la propria casa?

Per eseguire le proprie analisi la ricercatrice ha lavato la superficie dei pannelli solari con acqua sterile e poi raccolto quest’ultima in provette per analizzarla in laboratorio.
Lo studio è stato pubblicato sull’International Journal of Systematic and Evolutionary Microbiology.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook