Scoperto nuovo pesce osseo che vive in falde acquifere sotterranee in India

Aenigmachanna gollum (credito: Senckenberg/Britz, DOI: 10.1038/s41598-020-73129-6 | Scientific Reports)

Una nuova famiglia di pesci è stata identificata da un team di ricerca che ha pubblicato i propri risultati su Scientific Reports. Si tratta di una nuova famiglia di pesci ossei che vivono in formazioni acquose tra le rocce sotterranee, una famiglia che è stata scoperta solo recentemente nel sud dell’India, per la precisione nei pressi della fascia costiera del Ghati occidentale. In quest’area erano note 10 specie di pesce prima di questa scoperta e la prima era stata già descritta nel 1950.
La nuova specie, denominata Aenigmachanna gollum, prende il proprio nome da Gollum, il personaggio della saga del Signore degli Anelli che vive nelle caverne, come spiega Ralf Britz, un ricercatore del Senckenberg Natural History Collections a Dresda.

L’aspetto del pesce, almeno esternamente, ricorda quello di una testa di serpente. I ricercatori sono riusciti ad accertare che si tratta di una nuova specie anche tramite nuovi e complessi metodi tomografici computerizzati oltre al tratteggiamento delle caratteristiche morfologiche e di quelle genetiche. In questo modo i ricercatori stessi hanno notato delle differenze definite come “significative” tra questo nuovo pesce e gli altri pesci a “testa di serpente” facenti parte della famiglia degli Channidae.
Tra le caratteristiche principali di questa nuova specie ci sono una vescica natatoria accorciata che si prolunga fino al centro del corpo e la mancanza di un organo respiratorio accessorio: “Le differenze morfologiche e genetiche sono abbastanza grandi da giustificare l’assegnazione dell’Aenigmachanna gollum alla sua nuova famiglia Aenigmachannidae”.

Il pesce, lungo circa una decina di centimetri, risulta abbastanza snello e vive in falde acquifere circondate da rocce di laterite, vere proprie riserve d’acqua sotterranee da cui le popolazioni locali, tra l’altro, ricavano l’acqua tramite più di 6 milioni di pozzi privati. Secondo le analisi effettuate dai ricercatori, questa nuova famiglia si è separata evoluzionisticamente dalla famiglia degli Channidae in un periodo compreso tra 34 e i 109 milioni di anni fa.
“Sembra plausibile che gli Aenigmachannidae rappresentino un lignaggio evolutivo che è sopravvissuto alla disgregazione del supercontinente Gondwana circa 100 milioni di anni fa e successivamente si è spostato a nord con il subcontinente indiano”, spiega ancora il ricercatore che dichiara di essere preoccupato in relazione alla possibilità di estinzione di questa nuova famiglia in quanto l’estrazione dell’acqua da parte delle popolazioni locali potrebbe prosciugare i pozzi da cui le stesse falde ricavano l’acqua.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook