Scoperto ruolo delle cellule beta secernenti insulina nello sviluppo del diabete

Un ruolo che può facilitare lo sviluppo del diabete nelle cellule beta è stato scoperto da un gruppo di ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia. Nello specifico i ricercatori hanno scoperto che è un particolare tipo di canale del calcio in queste cellule che secernono insulina ad essere probabilmente una delle cause che aggravano il diabete. Secondo gli stessi ricercatori, agendo con un blocco su questi canali, potrebbe essere possibile trattare lo stesso diabete.

Nello studio, pubblicato su PNAS, vengono trattati i canali CaV3.1 che presiedono ad un ruolo definibile come marginale all’interno delle cellule beta che producono insulina nel pancreas. Tuttavia, con l’insorgere del diabete, questi canali diventano più attivi e ci si è sempre chiesti se questa iperattività è una conseguenza oppure una causa del diabete stesso.
Proprio questa ricerca, condotta dalla prima autrice Jia Yu , ricercatrice del Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare dell’istituto svedese, cerca di chiarire le idee riguarda questo dubbio.

Quello che si sa è che avviene “una ridotta capacità di secrezione di insulina di cellule beta e omeostasi aberrante del glucosio”, come spiega la ricercatrice. I ricercatori hanno cioè scoperto che l’attività di questi canali di calcio compromette il rilascio dell’insulina e l’omeostasi del glucosio.

Tramite vari approcci sperimentali, i ricercatori sono giunti alla conclusione che questi canali non dovrebbero essere innanzitutto trascurati per quanto riguarda l’intera ricerca sul diabete e che bloccandoli si realizzerebbe una nuova strategia terapeutica per curare questa malattia tanto che lo stesso Rolf Luft, altro autore dello studio, dichiara: “Le sperimentazioni cliniche con bloccanti dei canali Ca V 3.1 in pazienti con diabete saranno una delle nostre priorità di studio future.”

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook