Scoperto un buco nero supermassiccio in una piccola galassia nana supercompatta

Un enorme buco nero supermassiccio è stato confermato al centro di quello che può essere considerata come una piccola galassia, denominata Fornax UCD3, e distante da noi circa 70 milioni di anni luce. Oltre che confermare, ancora una volta, la teoria secondo cui al centro di ogni galassia c’è un buco nero supermassiccio che gestisce tutto il movimento rotazionale a livello di gravitazione, la notizia risulta abbastanza importante in quanto si pensava che le galassie nane potessero rappresentare un’eccezione in tal senso. Le galassie nane, infatti, presentano a volte solo buchi neri intermedi al centro e non quelli immensi come i supermassicci oppure non lo presentano affatto.

Per esempio la Grande Nube di Magellano, che vanta 30 miliardi di stelle distribuite su uno spazio di circa 14.000 anni luce, non ha alcuna buco nero supermassiccio al centro.
Fornax UCD3 è una galassia nana ultracompatta che, diversamente dalla Grande Nube di Magellano, vanta 100 milioni di stelle in uno spazio di poco più di 300 anni luce.

Gli astronomi sono dunque rimasti sorpresi nel trovare un buco nero di questa massa all’interno della galassia così compatta e piccola.
Secondo una delle teorie, questa piccola galassia potrebbeessere ciò che rimane di una galassia più grande “spogliata” poi dal passaggio ravvicinato di un’altra galassia.

Si è calcolato che il buco nero supermassiccio costituisca il 4% della massa della sua galassia (anche questa rappresenta un’eccezione dato che, in media, i buchi neri supermassicci al centro delle grazie rappresentano meno dell’1% dell’intera massa della galassia stessa).

La piccola galassia nana Fornax UCD3 orbita intorno alla galassia, molto più grande, NGC 1399 (credito: NASA/STScI/ESO/Afanasiev et al.)

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi