Sonno scarso legato a ridotte capacità di memoria negli anziani secondo studio

Un altro studio, stavolta pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience, sottolinea ancora una volta quanto sia importante la qualità del sonno in quanto quest’ultima può influenzare vari organi, regioni o finanche le capacità cerebrali dell’individuo.

Questo nuovo studio, condotto da Audrey Duarte, professoressa alla scuola di psicologia del Georgia Institute of Technology, e colleghi, mostra in particolare che una qualità del sonno ridotta o non sufficiente può influenzare in maniera negativa la memoria e la capacità di ricordare negli anziani.
Il collegamento tra il declino cognitivo collegato alla memoria e il sonno non sufficiente a livello qualitativo non è una notizia nuovissima ma questo studio, che mostra che questo collegamento interessa in particolare le persone anziane, potrebbe essere comunque utilizzato per supportare nuove terapie.

Inoltre lo studio trova che questa connessione risulti più evidente non solo per gli anziani ma anche per gli individui afroamericani e per questi ultimi indipendentemente dall’età.
La Duarte, insieme alla studentessa Emily Hokett, ha reclutato 81 volontari con un’età compresa tra 18 e 37 anni oppure tra 56 e 76 anni, tutti individui che non mostravano fattori che potevano essere confondenti ai fini della ricerca come ad esempio la sussistenza di eventuali deficit cognitivi anche lievi. Tra questi 81 volontari ne sono poi stati selezionati 50.

Grazie a degli accelerometri da polso, le due ricercatrici hanno misurato durata e qualità del sonno durante sette giorni e hanno poi fatto eseguire agli stessi pazienti vari test di memoria durante i quali veniva misurata l’attività delle onde cerebrali tramite elettroencefalogramma.
I risultati mostravano prestazioni migliori nella maggior parte degli anziani che potevano vantare un livello di qualità del sonno migliore.
Inoltre le due ricercatrici sono rimaste sorprese dallo scoprire che la relazione tra il sono povero e la memoria si estendesse anche ai partecipanti neri, sia anziani che giovani.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook